mal…

      1231.mp3

qoéla sera la mè ciòca la piangeva
sóta i dédi che i sgolàva a carezàrla
ma de dént el sanch ‘n de ‘n brèghel, grisantèmi
gh’èra come na sorgìva a ‘mbarlumàrme

i penséri, sbalegiàdi, i sdindonàva
su le màcie de sonada sóra ‘l fòli
tràte lì, una dré l’altra come osèi
sora i fili ‘n dì de aotùn che smòrza ‘l sol

come róndole che spèta l’ùltim viàc
l’èra note a scarmenón sul ciel tut grìss
ma sul mantes che l’usmàva ‘ncor en valzer
è crodà qoél goc de mì, perdù a sonàr

l’è na sféssa e la se avèrge su la chìpa
par aidàrme a desmissiàr ‘l mè cör che möre
cògno sol vardar de méterghe le ónge
e pò i braci i tegnerà fin tant che spéngio

mi me resta ‘nde ‘l mè viver qoél saór
de ‘na fràga che è nasùda a l’ombra tébia
e ‘l pensér che gh’è valgùn che scolta cèt
anca qoande perde i spini, ‘l làres, sol

Giuliano

quella sera la mia fisarmonica piangeva/sotto le dita che volavano in una carezza/ma di dentro il sangue che urlava, crisantemi,/c’era una sorgente che mi abbagliava/i pensieri, calpestati, dondolavano/sulle macchie di suonata sopra il foglio/buttate lì, una dietro l’altra come uccelli/sopra i fili di un autunno che spegne il sole/come rondini in attesa dell’ultimo viaggio/erano note alla rinfusa nel cielo grigio/ma sul mantice che rincorreva quell’ultimo valzer/è caduta quella goccia di me, intento a suonare/è uno spiraglio che si apre sulla china/per aiutarmi a risvegliare il mio cuore moribondo/devo solo cercare di metterci le unghie/e poi le braccia mi sosterranno finché spingerò/mi rimane dentro il vivere il sapore/di una fragola che è nata all’ombra tiepida/ed il pensiero che qualcuno che mi ascolti in silenzio/anche quando perderà le spine, il larice, solo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “mal…

  1. Io penso sia una tra le più belle che tu hai scritto. La ricordo, mi folgorò.
    Questa forza e fragile consegna al silenzio, che non è una resa, o estraniamento. E’ conservare qualcosa di una dimensione che ci appartiene che non può essere tradita. Anche se è la solitudine d’oro di chi non è solo…
    Bellissima.

  2. in perfetto silenzio ascolterò
    oltre le onde del mio mare
    il pianto delle ancie ^ malinconiche
    note^ d’autunno ^ sospese
    come le foglie sull’albero
    …incerte impaurite macchie
    di brunito oro. *
    BELLISSIMA Giuliano, come il tuo cuore.
    marlene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available