tèi, ànema…

      1767.mp3

tèi, ànema

ti che sès i mè penséri
vèi chi e bala ‘nsèma a mi
destrigandome pasion
desmentegade ‘n de i tò òci
e pò lasa le bolìfe che sia lum
‘mpizàde ‘mpò,
daighe ‘n soldo al sonador
che ‘l ne ‘n sònia una depù
e pò cònta chiche ès ti
co i tò làori odor de pèrsech

tèi, ànema

Giuliano

tu, ragazza

tu che sei i miei pensieri
vieni e balla assieme a me
distruggendomi la passione
dimenticata nei tuoi occhi
e lascia che le faville siano luci
sempre accese,
dai un soldo al suonatore
che ce ne suoni ancora una
e poi  racconta chi tu sei
con le tue labbra odor di pesca

tu, ragazza

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

8 commenti su “tèi, ànema…

  1. ‎”destrigandome pasion
    desmentegade ‘n de i tò òci”

    Bellissima dimenticanza….

    …”daighe ‘n soldo al sonador
    che ‘l ne ‘n sònia una depù
    e pò cònta chiche ès ti
    co i tò làori odor de pèrsech

    tèi, ànema.

    Straordinario scambio di vita.

    Bella come sempre.
    Fresca come l’acqua di sorgente..
    Trasparente e ….
    Viva come un “ànema”…

    Ciao Diaolin, un bacio per un canto..
    come sempre.

  2. o porca miseria me la sono ascoltata adesso e sto continuando ad ascoltare e a sognare. mi sono commosso, i grandi poeti quando leggono i loro pezzi, ti raccontano anche il loro cuore. e’ una ninna nanna di passione e di intelligenza. ciao

  3. Bellissima….
    Però “destrigandome” mi ha portato un po’ fuori perché qui ha un significato diverso, cioè : disimpegnarsi da una situazione un po’ ingarbugliata.
    Si impara sempre qualcosa di nuovo !

  4. Concordo con Oscar Clò che però temo non potrà leggermi.
    Mi piace anche perché sa dire molto con poche parole, che non è una virtù di molti.
    La tua libera traduzione induce però all’equivoco. Ed è un peccato. Anche se è vero che “destrigar” può essere inteso anche come “sbrogliare”, le traduzioni più comuni sono spicciarsi, affrettarsi, districarsi, disimpegnarsi.
    Tanto più che forse non era la “distruzione” che andava ricercata, quanto invece il riaccendere delle passioni “dimenticate nei tuoi occhi”.
    Ma prendilo solo come un punto di vista.

  5. destrigandome pasion come dice Oscar Clò, porta un pò fuori strada ma, analizzando il termine “pasion” si possono leggere come passioni in senso positivo o struggimenti in senso più negativo.

    Forse, come dici tu Guido, avrei dovuto tradurre meglio:

    “distruggendo l’amarezza
    dimenticata nei tuoi occhi”

    Ciao e grazie del commento

    P.S.: perché non potrà leggerti????

  6. Ringrazio Leonelli per il complimento (se era indirizzato a me). Le poesie di Diaolin sono sempre belle sia da leggere e ancor più da ascoltare , poi che ci siano parole che possono dare sensi un po’ diversi se interpretate in un altro dialetto è abbastanza normale ma alla fine credo che l’importante sia arrivare a capirsi. Grazie di nuovo . Oscar .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available