el figar…

      1844.mp3

son stà sqoasi embarlumà
da ‘l azùr broènt del mar
gatà live ‘n longa ‘i cròzi
a spegiarse su la sbòfa
odor de sal, caréza ai pèi,
pèten mòrbi e cant selvadech

l’era lì, ‘mbusà sul dòš
coi sò s’ciòfi ‘n na spinàra
e anca ‘l vènt el se polsava
par no spongerse da sol
ma ‘l  sò cör de zucher dolc
l’à basà i mè làori suti

come ‘l fus la boca tòa

Giuliano

sono rimasto abbagliato
dall’azzurro intenso del mare
incontrato lì lungo le rocce
che si specchiano sulla risacca
odore di sale, carezza ai piedi
morbido pettine e canto selvaggio

era lì, aggrappato alla duna
con i suoi germogli pieni di spine
ed anche il vento si fermava
per non pungersi da solo
ma il suo cuore dolce di zucchero
ha baciato le mie labbra asciutte

come fosse la tua bocca

sono stato in Sardegna la scorsa settimana e sulla riva del mare c’era un fico d’india… dicono che punga!

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “el figar…

  1. grazie per l’omaggio alla Sardegna, Giuliano.Splendore…..
    I fichi d’india sono dei frutti gustosi, e sempre sulla difensiva.
    Con le loro spine proteggono cotanta dolcezza!
    un abbraccio, marlene

  2. Vedi che anche il mare .

    ..”odor de sal, caréza ai pèi,

    pèten mòrbi e cant selvadech”

    ispira i tuoi canti come sempre..

    bella che …

    “e anca ‘l vènt el se polsava

    par no spongerse da sol

    ma ‘l sò cör de zucher dolc

    l’à basà i mè làori suti”…”

    e tu ci sei naufragato dentro come i poeti nobili
    senza farti male..suggerimento e nutrimentio
    della vita il mare ti ha cavalcato ed è nelle tue parole
    dolci e nel vento di spume bianche.

    Ciao Diaolin. Un bacio un canto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available