na sonada…

      1846.mp3

gài en ment el sòn del rìo che sgrìfa font
e ‘mpienìs del sò susùr la val che pòlsa,
sento slòiche tormentade ‘n mèz le möie
‘ntant che l’aqoa vis’cia i saši ‘n na careza

son chi sol che vardo ‘l vent postà su l’onda
col saor de sal ‘mprendù  tacà su i làori
misìa dent ‘n la sbòfa sgionfa a far caprìzi
che ‘l me canta la so’ storia  e no l’è ‘l rìo

salta för canzon che par campane ‘n festa
soga a sbalz de ‘n ceregòt che se sdindòna
e po’ lasade che le vàghia a se smorzàr
come ‘l vènt de tramontana co i so’ sgrìsoi

l’è sirene che me ‘nrapola i penséri
le se ‘n và, le torna ‘n dré e po’ via lontan
sqoasi ‘l fus na nina nana a ‘n matelòt
‘mbarlumà dal sol che sfonda ‘n mèz al mar

Giuliano

ho in mente il suono del rivo che graffia profondamente
e riempie con il suo grido la valle che riposa
sento filastrocche tormentate in mezzo alle pozze
mentre l’acqua sferza i sassi con una carezza

sono qui da solo che osservo il vento appoggiato all’onda
col sapore di sale intriso che si attacca alle labbra
mischiato dentro la schiuma gonfia e capricciosa
che mi canta la sua storia e non è il rivo

ne escono canzoni che sembrano campane a festa
fune a sbalzo di un chierichetto che si dondola
e poi lasciate che si stanchino da sole
come il vento di tramontana con i suoi brividi

sono sirene che aggrovigliano i pensieri
se ne vanno, tornano indietro e via lontano
come fosse la ninna nanna ad un bambino
abbagliato dal sole che affonda in mezzo al mare

ho ascoltato il suono della risacca e ho cercato di ritrovarlo nel suono dei rivi delle nostre valli, ma l’aiuto del vento trasforma il canto dell’acqua in una melodia ammaliatrice che sembra una ninna nanna. I nostri rivi nei momenti di calma fanno lo stesso, solo che il rumore resta costante e si fonde col silenzio dei luoghi che viviamo.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “na sonada…

  1. Trèi goce, doi goce, na gocia… e pù gnènt. Demò tèra brusada, e lagrime de sal, de pòra gènt!
    Sèmpro màssa vere. le to poesie. Melodie che sòna a martèl, campane che din-dòna temprando l’azzuro del ziel!
    Brao, vècio Diaolin, seguta a far girar la ròda de ‘sto vècio molin!

  2. Giuliano, le tue m’affascinano e le ascolto e leggo.
    Le riascolto e ancora leggo.
    Aspetto le parole e nell’attesa ascolto ancora.
    Non ti sazi mai e non vuoi lasciare il suono.
    …È triste staccarsi da uno scorcio di mondo così ben modellato.
    Sei proprio bravo, amico mio.
    Ti ricrea lo spirito leggerti e ancor più ascoltarti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available