el babào…

      2053.mp3

co la lum de l’abasùr, sbrìgol de stéle
se stremìsse anca ‘l babào da dré l’armar
e ‘l se scònde ‘n de na storia de putàti
che oramai encöi en dì no i crede pu

come ‘n biss el se stirona ‘ntrà le sfése
de ‘n murét fat sù su l’or par far na pòlsa
pò ‘l se ‘mbusa live arènt a tènder cèt
che valgun se sèntia gió  e tondàrsel su

‘l gà qoei òci che ‘mbarluma e ‘l ride dolc
co ‘l sò fis’cio en na cantada ‘l te sdindòna
el se slìssa co la pèl che taca sgnèca
pò l’infern devènta adès, sgrifando font

l’è na bestia e ‘l te destrìga föra l’ànema
e valgun g’à ‘n ment che fusti ‘n paradis

Giuliano

con la luce dell’abat-jour, luccicore di stelle,/si spaventa anche l’uomo nero dietro l’armadio/e si nasconde in una storia di bambini/alla quale nessuno crede più/come una biscia si strira tra le sfése/di un muretto costruito per riposarsi/poi si nasconde in un buco, lì vicino, in attesa/di qualcuno che si sieda per irretirlo/ha quegli occhi che ti abbagliano e ride dolcemente/col suo fischio ti culla in una canzone/e si struscia con la pelle che appiccica, molliccia/e poi l’inferno appare adesso, graffiando dentro/è una bestia che ti distrugge l’anima/e qualcuno pensa tu sia in paradiso

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “el babào…

  1. … lontan da le grìnfie del lof, portà dal vènt de primavera. Lontan dal sò mùs, da la sò sbava. da quela ociada che te sfrugna l’anima…
    Pròpi cossìta vècle… L’às descrito bèn!
    Ciao e… stame ben

  2. intensa voce rotta nell’emozione di un dire profondo.
    Intensa voce, come lo è la tua parola di poeta
    che parla una lingua sconosciuta agli sconosciuti,
    che produce senso a chi l’intende,
    che lascia segni su quella parete rossa
    che batte il suo tempo con il tuo tempo.
    bella Giuliano.Bellissima.

  3. Questa “bestia nera”,
    presenza oscura
    che ti invade l’anima
    ti svuota l’anima.
    Silenziosa, ma presente
    quasi ipnotizzante.
    Un oppressione invisibile
    che ti vive accanto
    con l’inganno di una
    fatuità ridente.
    Confonde le tue sensazioni
    ti prosciuga l’anima, senza farti accorgere.
    Paralizza ogni movimento e ideazione.
    Vive sulla tua vita vampirizzandola.
    Fino a restarne esangui..

    Racconti qualcosa di una dimensione
    di un atmosfera
    di persone che hanno il potere
    di annichilire.
    Lo fai con immagini che sono leggere
    quasi per esorcizzarlo questo nulla
    questa assenza nera che è presenza.

    Ciao Diaolin.
    Respiriamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available