la föia…

      2069.mp3

è crodà gió na föia dai zirési
tuta róssa, ‘mpituràda, gió ‘n la val
cunandose ligéra sora ‘l vènt
pogiàda a ‘n sgianz de sol che ciùta tébi
lassàndo lìve ‘l ram soliènt su l’or
stremì da ‘n refol frét de ‘n dì de aotùn

e tut la val entorn la par la tàsia
vardando sto oselét sul ciel pu azùr
se sente anca na ciòca che sdindòna
parsìn i avèzi i par se cùcïa mèsteghi
pò sgola na pavèla, arcobalén
pogiandose, caréza, su ‘n na spala

ma resta sol na làgrema e ‘n strangoss
e odor de fum de rasa ‘n trà le fràone

Giuliano

è caduta una foglia dai ciliegi/tutta rossa, colorata, giu nella valle/cullandosi leggera sopra il vento/appoggiata ad un raggio di sole che tiepido fa capolino/lasciando lì il ramo, solingo, sull’orlo/spaventato da un refolo freddo d’un giorno d’autunno/e tutta la valle intorno sembra tacere/osservando quest’uccellino nel cielo azzurro/si sente anche una campana che suona/persino gli abeti sembra si pieghino mesti/poi vola una farfalla, arcobaleno/appoggiandosi come carezza su di una spalla/ma resta solo una lacrima ed un lamento/ed odore di fumo di resina tra i viottoli

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “la föia…

  1. pò sgola na pavèla, arcobalén
    pogiandose, caréza, su ‘n na spala

    ma resta sol na làgrema e ‘n strangoss
    e odor de fum de rasa ‘n trà le fràone

    ..na làgrema..furtiva per questo autunno..
    come sul tuo viso.

    Ciao Giuliano.

  2. ‎….e tut la val entorn la par la tàsia
    vardando sto oselét sul ciel pu azùr
    se sente anca na ciòca che sdindòna….
    Incantata,,,!!!

  3. bella bella anca se preferisi la primavera…. la foia verda che la nas ed el sol che scalda i ossi!!!! grande Diaolin come sempre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available