baticör…

      2076.mp3

mi vorìa gavérghe àle che me làghia slizolàrme,
‘ntant che sùbia ‘n rèfol tébi, sul remór del ghìrlo sùt
parché ‘l smàchia ‘l cör, selvadech, eguàl che i sassi ‘n la brentina
a smondolarse e vegnìr tondi, ‘n na sonada a òrghen serà

e sentirme svöidà dent, de qoéi crùzi che i dezìpa
delibrà su l’or del tómol, istess che arnài pogià sul vènt

mi vorìa gavèrghe àle par lassarme nar su sóra
a scoltàr l’umor dei òmeni ‘ntant che ‘l vis’cia ‘n taser frét
par tör för sol qoéla voze che la ‘nzìspa i ‘nsòni mèi
e co i òci ‘mbarlumadi da ‘n cossìn con sol na bùsa

sentìr sol cafè sul bói

Giuliano

vorrei avere le ali ché mi permettano di scivolare/mentre fischia un refolo tiepido, sul rumore del turbine asciutto/perché il mio cuore batta, selvaggiamente,come i sassi durante la piena/che si smussano arrotondandosi, in un suono senza strumenti/e sentirmi svuotato dentro, da quei crucci che rovinano la vita/liberato sull’orlo della collina, come falco appoggiato al vento/io vorrei avere  ali per lasciarmi andare in alto/ad ascoltare l’umore degli uomini mentre bacchetta un silenzio freddo/per tirare fuori solo quella voce che scombussola i miei sogni/e con gli occhi abbagliati da un cuscino sgualcito/sentire solo il bollore del caffè

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

13 commenti su “baticör…

  1. io scelgo
    “e sentirme svöidà dent, de qoéi crùzi che i dezìpa
    delibrà su l’or del tómol, istess che arnài pogià sul vènt”

    grazie Diaolin

  2. … molto bella !!..in particolare “…liberato sull’orlo della collina, come il falco appoggiato al vento/io vorrei avere le ali per lasciarmi andare in alto..” .. !

  3. grazie a tutti, avete presente quelle mattine in cui al risveglio sentite nell’aria il profumo del caffè??? e il cuscino che aveta accanto ha solamente un segno sgualcito…
    ed il sogno ricomincia

  4. Arruffata, spatuzza. Proprio come i cavei quando t’hai dormi a qualche vers. Mi piacciono i tuoi finali .
    SENTIR SOL CAFE’ SUL BOI. Che altro dir….

  5. ‎….a scoltàr l’umor dei òmeni ‘ntant che ‘l vis’cia ‘n taser frét
    par tör för sol qoéla voze che la ‘nzìspa i ‘nsòni mèi….

    Bella come i sogni che hanno una voce
    sono ali grandi per volare all’abbandono
    nel vento..seguendo il vento,
    nella vita nova al suo principio…

    un canto..un bacio, poeta dei canti.

  6. Sgolar su.. su vèrs el ziel: che bèl! ‘Ndo che le nugole le se fa cosìn par i sogni pù bèi… quei che ne da na man de celeste a la Vita a noiàltri… quei de la Poesia!
    Ciao Diablo
    Mèrites de passar dirèto en purgatòri!

  7. Sì , Poter Volare…. Psér Vulèr

    Mo peinsa te… psér vulèr
    Cun un pèr d’èli novi psér scapèr…
    In compagnia dagl’idéi piò strampaledi
    Corr’adrèe a ‘n’illusiaun dal piò sbaledi
    Per tgnir viv e pin ‘d’salut la fantasia
    Ormai vinduda sol coi bigliett dla loteria .

  8. Sempre più tecnico nella composizione eppur sempre più poetico nella forma e nei contenuti. Quando raggiungerà il doveroso apice la tua arte?
    🙂
    P.S. questa volta non ho capito la musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available