l’odor de le parole

      2131.mp3

de che saràle fate le paròle
che ne scampa för dai làori screpolàdi
sfondandose dent gréve ‘n de penséri,
maledeti o fòrsi bèi, ‘ngropadi ‘ndòss?

magari sol de aria che se ‘mprènde
al smolinàr del vènt de tramontana
lasandose cunàr su ‘n na sbalanza
de sóghe a sbrindolon senza na rama

tacàde, sol a qoél sentirse gènt
che se delibra ‘n sgoi coi pèi par tèra
o néo a ridolarse gió ‘ n de ‘l tó
par delevar subiènt a ‘n sgiànz de sol

sarale fòrsi aqoa ste paròle
se pò le lassa sgrìfi fondi dent
e resta odor de gnào ‘n de i sogni mèi?

Giuliano

l’odore delle parole

di cosa saranno fatte le parole | che ci scappano dalle labbra screpolate | affondando grevi nei miei pensieri, | maledetti oppure belli, annodati addosso? | magari è solo aria che si rapprende | al macinare del vento di tramontana | lasciandosi cullare su un altalena | di corde a brandelli senza nessun ramo | appese solo a quel sentirsi persona | che si libera in volo con i piedi appoggiati al terreno | o neve che rotola sul pendìo | per sciogliersi appena si presenta un raggio di sole | saranno forse acqua le parole | se poi lasciano dentro solchi profondi | e rimane quell’odore di stantìo nei sogni miei?

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

7 commenti su “l’odor de le parole

  1. ‎”tacàde, sol a qoél sentirse gènt
    che se delibra ‘n sgoi coi pèi par tèra
    o néo a ridolarse gió ‘ n de ‘l tó
    par delevar subiènt a ‘n sgiànz de sol”

    …bella l’idea di un volo che non è astrazione
    ma volare con la fantasia interna
    che non abbandona le terra pur alzandosi in volo
    un paradosso umano di straordinaria creatività.

    Bellissima tutta per intero questa musica di parole che sono come tu dici parole che scavate dal profondo ventre della tua poesia..
    movimento carsico..invisibile che qualche volta può muovere e travolgere sogni stantii..come come di palude.

    “sarale fòrsi aqoa ste paròle
    se pò le lassa sgrìfi fondi dent..

    Grazie Giuliano, stretto in un abbraccio.

  2. grazieee, l’avevo già letta..
    “de che saràle fate le paròle
    che ne scampa för dai làori screpolàdi
    sfondandose dent gréve ‘n de penséri,
    maledeti o fòrsi bèi, ‘ngropadi ‘ndòss?”
    Una immagine fantastica…!

  3. Come sempre meravigliose… non ci sono parole nel sentire il gusto del tuo dialetto da te piegato nelle forme più delziose. Grazie, un vero dono serale dopo una terribile settimana di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available