sol marùgol…

      2160.mp3

vara lì qoel sol marùgol,
el se scònde ‘mparmalos
dré sta luna berechina,
e doi nùgole zevìle
man a man le ghe dà a ment
pò la val l’èi grìsa, fonda

tase cète le campane
e le föie de biancara
le se pòlsa al vent che dròme

par se sìa ‘mpontà la nòt
che i susùri i fus caréze
e doi merli ‘ngremenidi,
màcie a spass sul prà de néo,
i fa ‘n bal spetando ‘n sgiànz
zifolàndosela su

da ‘n camìn che ‘l sófia tébi
promisión de ‘n dì pu bèl
grìsa lum che ‘ndòra ‘l viver

Giuliano

sole grullo

guarda li quel sole grullo, | si nasconde permaloso | dietro questa luna birichina, | e due nuvole impettite | gli fanno il verso | e la valle è tutta grigia | tacciono timide le campane | e le foglie di sorbo | si riposano al vento che dorme | sembra che la notte si sia fermata | che i rumori siano carezze | e due merli intirizziti | macchie a spasso sul prato di neve | fanno un ballo in attesa di un raggio | fischiettandosi una canzone | da un camino che soffia tiepido | promessa di un giorno migliore | grigio lume che indora la vita

L’eclisse è una strana sensazione, quasi un dubbio…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

22 commenti su “sol marùgol…

  1. marùgol è troppo bello, al posto di stupido, il traduttore non potrebbe usare un altro termine?:-) grìsa lum che ‘ndòra ‘l viver

  2. Uno sguardo innocente ed incantato sul disincanto di una notte che si è fermata. La si vede quella valle col vento che riposa, in primo piano la promessa del calore di un camino.
    E’ musica.

  3. Come al solito molto bella.E poi,marùgol,’engremenidi, due termini propri della mia infanzia e dei miei affetti più cari.Erano anni dell’eclisse sociale, ma che poi avrebbero fatto spazio” a’na promision de ‘n dì pu bèl, grisa lum che ‘ndòra ‘l viver”..!!!

  4. io uso quei termini perché li sento dentro di me e credo che, se li perdiamo, sia solo per apatia rispetto alla lingua. Non si tratta di oggetti non più in uso e quindi succubi di un automatico invecchiamento e perdita di significato, sono solo due parole che come tante altre perdono la loro ragione di esistere perché si tende sempre ad appiattire…
    avrei potuto scrivere “sol smamì” ma crfedo che tu comprenda che non sarebbe stata la stessa cosa….
    ho tradotto con sole stupido ma è un qualcosa di più che in italiano non riesco a descrivere, forse grullo o scimunito…

  5. bello il pezzo e molto belli i termini, che non sono affatto arcaici ,ma solamente poco utilizzati dai nuovi ignoranti… grazie diaolin

  6. stamattina ho sorriso per la storiella della Pierina, ora penso che, davvero, l’eclisse sia una sensazione se raccontata così. Bravo, che altro?

  7. Abbiamo anche noi un termine nel nostro dialetto molto simile (“maruga” e anche “marugaun”) per dire di uno che è duro di comprendonio , testone, lento a capire . Deriva dal nome dialettale di una pianta nota per la durezza del suo legno . Bello il pezzo , come sempre , e alquanto tempestivo .

  8. L’ultima strofa la m’è cara. Me par de star lì, sentà su na carega de legn scrinchenada e giustada col fil de fer dal nono. E mi che vardo ntel fòc a pensar a sto futuro..

  9. par se sìa ‘mpontà la nòt
    che i susùri i fus caréze….

    da ‘n camìn che ‘l sófia tébi
    promisión de ‘n dì pu bèl
    grìsa lum che ‘ndòra ‘l viver

    …..bellissimo…ariciao..
    …Notte come di carezza

  10. i me dixi che podessi essar anca “sponzole more”; i me dixi anca – da verificare – che sorbo saria tembel sulla dx orografica – due termini per due sponde? (me in linguistic mode on)

  11. no, stesso termine ma:
    spongiole sono quelle more e marugoi quelle chiare
    tembel il sorbo dell’uccellatore (Sorbus aucuparia)
    e biancara il sorbo di monte (Sorbus aria)

    due sponde un termine solo, ma il tuo traduttore di che sponda è?
    🙂

  12. Mi viene in me una frase di Auden: “As a poet there is only one political duty, and that is to defend one’s language against corruption. When it is corrupted, people lose faith in what they hear and this leads to violence.”

    1. @Giuliano
      Sono d’accordo Diaolin, l’accento nella frase di Auden non è su “difendere”, “usare propriamente” come fai tu è già la migliore difesa possibile. L’importante piuttosto è il resto:

      “When it is corrupted, people lose faith in what they hear and this leads to violence.”

      (almeno, io l’ho intesa così)

      ciao,
      rob

  13. ne consultai un altro della Tua sponda (Sevignano) e risulta biancara in uso per entrambe le piante (sorbus aria e un tipo di salice) – si vive imparando
    invece giuro che il mio amato bene et famiglia chiamano marugoi gyromitra esculenta (sponda destra) – dal bellissimo color cioccolato (spugnola sì, ma falsa, falsissima, pure tossica)
    non cederemo alla violenza, nevvero? 🙂

  14. ma no…

    @Roberto: assolutamente no, non difendo mai a spada tratta, anzi, cerco di argomentare ma non ha nessuna importanza comunque. La lingua si evolve, si modifica e si adatta, l’unica violenza che le facciamo è tradurla!
    Purtroppo ci sono dei suoni che sono significativi…

    marugol:
    te me pari en marugol…

    onomatopeico

    spongiöla:
    te me pari na spongiöla

    assurdo
    🙂

    comunque se vogliamo farci capire bisogna anche tradurre… ma questo è solo un togliere

  15. Na carga. Da bocia el me vecio el me diseva, apena vegnu da scola: vai gio ai ladrici che t’ài sià na carga de legna.
    Me enviava gio come na bala par el sinter dei pinati e quanche era quasi arivà, le gambe le me se fermava tute den colp, parché? (Li gh’èra el bus del vecio, na storiela che se tramandava da secoli, se ti te fermaves vegniva su el vecio e ‘l te magnava).
    Ripartiva de corsa fino a la meta, me toleva la me carga e ‘nvezi che tornar da ‘ndo che era vegnù, ciapava el sinter della restèl cosi evitavo el bus del vecio, si l’èra longa nar fora ala restèl e dopo nar su fin al foac, ghe meteva doi ore, però l’è bei ricordi anche se i èra fadigosi, gh’era i caprioi che te vardava, leori, schirati e ogni tant vedeva anca la bolp. Quela la me feva en pò de paura, la stava dent te quei grosi busi e la te vardava con dei oci rosi, se te svizinaves en pochetin la rugnava e alora via come na friza en fin a casa senza polsar…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available