a ridolón…

      2195.mp3

Me rìdolo a pirècole,
‘n vèrs nòt
che se arvesìna, cète, pian,
e gnènt susùra vózi
för dai ùssi
a snöl serà.

Na slòica da ‘n sperèl
che ‘l la sghigògna,
soliènt, lassà davèrt
su ‘l stàbi vöit.

Se sènte come ‘n sbrìgol
de pavèla stormenìda
e ‘n sgól de rotolàna
al scur pù fónt,
caréza su la nòt carugenósa,
el smòrza la remór

e tut l’è nòt

Giuliano

Mi rotolo a capriole, | verso notti | che s’avvicinano in silenzio | e nulla mi ricorda voci | dagli usci | dalle maniglie immobili. | Una filastrocca da un telaio | che la strimpella, | da solo, lasciato aperto | sul fienile vuoto. | Si sente come un brivido | di farfalla stordita | ed un volo di pipistrello | nell’oscurità più profonda, | carezza sulla notte caligginosa, | ferma il rumore | e tutto diventa notte

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

10 commenti su “a ridolón…

  1. te sèi arcaico… ma n’do vàs a tirar for cèrte paròle?
    varda che en val no te capìs prest pù nesùn!
    (bèla e complimenti!)

  2. ha anche ragione Sergio. è per questo che oltre che belle, queste sono opere socialmente utili! qualcuno deve pur tramandare la memoria, anche della lingua! bravo Diaolin

  3. sono questi i momenti di oscurità che pervadono il sonno delle persone, e capirete bene che sto parlando di qualcuno che sta capovolgendo il concetto di lavoro, distruggendo anche un fremito di libertà…

  4. Mi piace come il tuo riversare il pensiero (qui molto amaro) in versi ricorra ad immagini legate all’ambiente e ad antiche abitudine umane.
    Pur non conoscendo assolutemente il tuo dialetto, mi colpisce l’immediatezza e la naturalita’ delle parole e la musicalita’ della tua lettura.
    Complimenti.

  5. questa senza la tua traduzione non l’avrei afferrata..
    resta come dice Saverio abbandonarsi al suono delle parole, la tua voce, che trasmette la pena….di un sentire forte..

    “Se sènte come ‘n sbrìgol
    de pavèla stormenìda
    e ‘n sgól de rotolàna
    al scur pù fónt,
    caréza su la nòt carugenósa,
    el smòrza la remór

    e tut l’è nòt”

    trovo immensamente bella e forte questa immagine
    “Me rìdolo a pirècole,
    ‘n vèrs nòt
    che se arvesìna, cète, pian,
    e gnènt susùra vózi…”

    son belli anche nella traduzione in lingua italiana

    “Mi rotolo a capriole,
    verso notti
    che s’avvicinano in silenzio
    e nulla mi ricorda voci”

    una tristezza, una desolazione senza alcuna facile consolazione…
    Ciao Diaolìn. Un bacio per ogni canto.

  6. ciao,forse i tempi sono cambiati ma il nostro dialetto di Sover è cambiato.
    Avrei piacere se un giorno farai una poesia sul nostro amico e campione alpinista Walter,
    ciao spero di esserci a Grumes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available