festìdi…

      2239.mp3

‘l festìdi l’è le gent che le se ‘nzispa fisse
e le davèrge i braci a fermar le s’ciopetade
pitòst che rosegarse, coi denti ancor scazàdi,
raiss de ortighe seche sqoergiude dal ciapòt

‘l festìdi l’è le gent che àrfia vita vera
lassando che de sora i pòstia för le réce
par pò bàterle gió col sanch de la resón
e meterse ‘n scarsèla che lévia en sol pù bèl

‘l festìdi l’è i poréti che no i ghe ‘n impöl pù
lassando i manganèi che i prövia a farghe còntra
e su le strade negre, rivòci de qoel ross
ma qoel che spigolàn l’è sol en di de pù

‘l festìdi l’è ‘l pensier che ‘l par che no ‘l ghe fùsia
envezi, a grani gròssi, sgionfadi de pasión
se i tòrces col sò mòto, rogièla för saóri
l’è dolc el sanch porét, lo beve sol i Sióri

Giuliano

fastidio…

il fastidio è quella gente che si arrabbia decisa | ed apre le sue braccia per fermare le fucilate | piuttosto che rosicchiare, magari senza denti | radici di ortiche secche coperte dal pattume | il fastido è quella gente che respira la vita veramente | lasciando che di sopra i potenti si affaccino | per poi destruggerli col sangue dei giusti | e mettersi in tasca un mattino migliore | il fastidio è la povera gente che non subisce più | lasciando i manganelli che provino a controbattere | e sulle strade nere, rivoli di quello rosso | ma ciò che spigoliamo è solo un giorno in più | il fastidio è il pensiero che credevano non esistesse | invece dai grani grossi, rigonfi di passione | se li tòrchi delicatamente, si sprigionano profumi | è dolce il sangue dei poveri, lo bevono solo i potenti

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

8 commenti su “festìdi…

  1. il fastidio è quello che la gente non vuole vedere e chiude gli occhi…perchè non vuole pensare e assumersi l’onere di cambiare la storia degli uomini…

    “‘l festìdi l’è ‘l pensier che ‘l par che no ‘l ghe fùsia
    envezi, a grani gròssi, sgionfadi de pasión
    se i tòrces col sò mòto, rogièla för saóri
    l’è dolc el sanch porét, lo beve sol i Sióri

  2. il fastidio è il ripertersi della storia, e degli uomini
    delle cose ingiuste e crudeli che sai saranno
    il fastidio è comprendere che Vico aveva ragione….
    Mi piace

  3. bellissima…Giuliano…
    dura e bella.
    E questa musica è vicino alla musica delle tue parole calde e intelligenti.
    “il fastidio”..è la ribellione che si fa storia..per tutti noi…

  4. Caro Diablo, c’è una poesia di San Francesco che recita così: E così continuate senza sosta a duellare, trascinando vostri figli, vostre orme ricalcare, per l’orgoglio de vedere vostro stemma perpetrare. V’encensate, ve gloriate, poi vien l’ora di morire… Pròpi cossìta… Ma non c’è ricchezza al mondo che corrompa sorella Morte…
    Meno male!
    Stame ben
    Iaio

  5. veramente “fastidioso” questo ribellarsi anziche’ accontentarsi di secche ortiche….
    Continua a sorprendermi quanto la forma dialettale, come nell’ultima strofa, possa essere più espressiva della traduzione italiana.
    Complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available