chiznéri!

      2263.mp3

i sméla e i sìa bozéte bèle tébie da ciuciàr
po’ i béora sti putàti, pìcioi nèni senza bèssa,
caoréti con doi gambe e braci gròssi par laoràr
asiàndosei  da guèra par salvar la libertà

e i sèguta a speràr che ‘n nàssia ancor de pù
par smanciolarsei strùchi su ‘l pèt che è na spinàra
e i spenge, lóri,  e i fietera ste bèstie da balìni
portandoghe fiorùm e s’ciòpi da lustràr

i è sèmpro sù ‘n de ‘l trespol, i l’à chegàdi lì
vestidi da la fèsta ma i spùza de turìboi
e ogni men de che se i fà na capelàda
i diss “l’è colpa vòssa, volen sol el vòss bèn”

l’è gent fate su a gèsti che i slonga för en tét
ma sot l’è sol becàri con la ciaparöla ‘n man

Giuliano

balie

puliscono i bimbi e preparano tiepidi biberon da succhiare | poi dissetano questi pargoli, agnelli senza pecora, | capretti con due gambe e grosse braccia da lavoro | addestrandoli alla guerra per salvere la libertà | e continuano a sperare che ne nascano altri ancora | per accarezzarseli stretti al petto che è un roveto di spine |  ed insistono, loro, nutrendo queste bestie da pallini | portando loro fiorume e fucili da lucidare | sono sempre sul trespolo, li hanno partoriti li |  vestiti da festa ma puzzolenti come turiboli | ed ogni qual volta che combinano un guaio | ci dicono “è colpa vostra, noi vogliamo solo il vostro bene” | è gente senza faccia che tirano fuori un capezzolo | ma sotto ci sono solo macellai con la mannaia in mano

Queste balie che ci guidano verso un destino che, nonostante tutto, rimane sempre quello. E ci raccontano di ciò che siamo mentre ci spellano vivi.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “chiznéri!

  1. ….ripensare Goethe nel Faust…..” Una parte di quella forza che vuole costantemente il Male ed opera costantemente il Bene” ” Io sono lo Spirito che sempre nega”
    ..la Negazione….

    Bella l’immagine di chi allatta senza volto. Questo non …essere e non sentire niente.
    Questa ragione perversa che produce uomini per renderli schiavi o guerrieri che difendono il nulla…ciò che non serve agli uomini per vivere…

    Questa urgenza di dare “un volto” è condizione necessaria per cambiare, rinominare l’uomo…..questa è la strada da percorrere.

    “i sméla e i sìa bozéte bèle tébie da ciuciàr
    po’ i béora sti putàti, pìcioi nèni senza bèssa,
    caoréti con doi gambe e braci gròssi par laoràr
    asiàndosei da guèra par salvar la libertà….

    …………………………………………………………….

    “l’è gent fate su a gèsti che i slonga för en tét
    ma sot l’è sol becàri con la ciaparöla ‘n man”

    Bella e dura.

  2. Il male di vivere ha incontrato, il nostro poeta. Ci sono notti che, per non vedere, apro gli occhi e mi guardo attorno…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available