el tèmp…

      2362.mp3

‘ndó naràla qoela ràgia sì de prèssa?
ghe se carga su sul bast i nòssi ‘nsògni
l’à destràni de la luna che se scònde
‘mbarlumàda al sol che bróa pogià sul cào

ma la gira e pò la tonda ancor depù
la ghe pröva a nar pù ‘mprèssa ‘ntorn al ciòlt
passa ‘n atimo e la vedes che la scampa
pò la torna sguèlta istess, come ‘n cagnòt

doi paròle tràte lìve a dir vargót
rebaltade sora ‘l sanch de gènt che möre
ma la ràgia la fà sèmpro ‘l stess sintér
e ‘l batòcio ‘l bate l’ora anca a qoei Siori

no ghe n’è resón de òri che le vénce
qoanche léva ‘l cant de qoéi senza doman

Giuliano

dove andrà quella lancetta così in fretta? | le si caricano sul basto il nostri sogni | ha nostalgia della luna che si nasconde | abbagliata al sole che picchia sulla testa | ma lei gira e gira ancora di più | lei ci prova ad accelerare attorno al perno | passa un attimo e la vedi scappar via | poi ritorna svelta uguale, come un cagnolino | due parole buttate li per dire qualcosa | rovesciate sopra il sangue di gente che muore | ma la lancetta percorre sempre lo stesso sentiero | ed il battacchio batte l’ora anche per i Signori | non esiste la ragione dell’oro che vince | quando si alza il canto di quelli senza domani

Ma perché c’è ancora qualcuno che sostiene che alla fine dobbiamo preoccuparci solo delle risorse energetiche? E il resto? Problemi interni… Si, a volte sono interni a volte no. Che prezzo ha la parola “interni”? In Jugoslavia era un problema Internazionale, nel nord-Africa è un problema interno… L’Africa e la sua gente… alla fine sono solo un problema interno! L’hanno detto in troppi dei nostri politici, è ora di mandarli a casa.

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

4 commenti su “el tèmp…

  1. Poeta…..

    ..‘ndó naràla qoela ràgia sì de prèssa?
    ghe se carga su sul bast i nòssi ‘nsògni
    l’à destràni de la luna che se scònde
    …‘mbarlumàda al sol che bróa pogià sul cào….
    ………………………….
    doi paròle tràte lìve a dir vargót
    rebaltade sora ‘l sanch de gènt che möre
    ma la ràgia la fà sèmpro ‘l stess sintér
    e ‘l batòcio ‘l bate l’ora anca a qoei Siori

    no ghe n’è resón de òri che le vénce
    qoanche léva ‘l cant de qoéi senza doman

    la tua sensibilità pulsa con tutte “le lacrime
    che ha pianto una stella”….
    “le tue parole sono uomini…”

    Mi piace molto l’associazione con il tempo
    ineluttabile che scorre al passaggio delle lune
    quel tempo che è sempre uguale finchè non cambierà
    la storia degli uomini che si danno alla morte
    e la morte…
    finché la vita sarà quella luna che gioca in cielo
    a nascondere il volto del segreto d’amore
    che ci rende uguali….

    Grazie Poeta mio Poeta.

  2. i senza domani siamo anche noi se non apriamo gli occhi in tempo…ed intanto, il tempo, scorre scandendo i numeri di persone morte per la libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available