en ghinoción…

      2395.mp3

vorìa ‘nvidarlo chive el siore Dio,
a bever na bichéra de aquaröl,
resentà för da ‘n céver de brascà
cavà för da ‘n spinèl che ‘l sgócia pian
e pò sentarme gió li arènt, sinzéro,
e spudàr för emprèsa ‘l brut pensér
che Elo ‘l fussia sol na bela storia
par farne nar segùri còntra ‘n s’ciòp

Vorìa ‘nvidarlo chive par dalbòn
parché ‘l me ‘ndrìzia strade de sbighèz
tirandome le réce come a ‘n bòcia
paràndome ‘n castigo a resonàr
ma son chi sol co ‘n un che no ‘l se pande
el tase e ‘l tira gió na terlaìna
‘l me varda come ‘n pauper,  no ‘l capiss,
po’ ‘l cava na caràfa e l’erge ‘n goc

Vorìa ‘nvidarlo chive ‘l siore Dio
par dirme che l’è istess a ognun de noi
ma i l’à scondù dré ‘n s’ciòp, e l’è a so cà

Giuliano

in ginocchio…

vorrei invitarlo qui il signore Dio, | a bere un bicchiere di vinello | risciacquo di un tino di vinaccie | spillato da una cannella che gocciola piano | e poi sedermi lì vicino, sinceramente, | e sputare rapidamente il pensiero brutto | che Lui fosse solo una bella storia | per farci andare impavidi contro un fucile | Vorrei invitarlo qui per davvero | perché mi riporti sulla strada giusta | tirandomi gli orecchi come ad un bambino | mettendomi in castigo per farmi ragionare | ma sono qui solo con uno che non si sbottona | tace ed in silenzio  stacca una ragnatela | mi guarda come un pover’uomo,  non comprende | poi spina una caraffa e versa un goccio | Vorrei invitarlo qui il signore Dio | perché mi dica che è uguale a noi | ma l’hanno nascosto dietro ad un fucile, ed è a casa propria

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

7 commenti su “en ghinoción…

  1. Mi piacerebbe, davvero, esser capace di scriverle io queste cose…
    Bella, e come sempre ben contestualizzata alla realtà….

  2. Vorìa ‘nvidarlo chive ‘l siore Dio
    par dirme che l’è istess a ognun de noi
    ma i l’à scondù dré ‘n s’ciòp, e l’è a so cà….

    Vorrei avere anche io questa voce
    questa forza poetica per dire che
    dietro ai fucili c’è l’esuberanza
    violenta del dio degli uomini
    Perché gli uomini non sanno essere
    uomini
    perché gli uomini vogliono essere
    il braccio armato del loro dio disumano
    creato e ricreato
    nelle tragedie del mondo….

    grazie Giuliano che canti questo tempo
    con le tue parole vere..

  3. Ho dovuto leggerla in italiano perchè capisco il parlato ma non lo scritto trentino…. Giuliano, più ti conosco e più mi piace il tuo modo di comporre…un’attualita..senza risposte….Grande…veramente bella!

  4. Sottile, attuale, va ancor piu’ in profondo con il dialetto che a forza di leggerlo tutti i giorni, comincio a capirlo senza la traduzione! 🙂

  5. ma i l’à scondù dré ‘n s’ciòp, e l’è a so cà

    E’ molto più che una metafora, sono parole scolpite nella pietra. Complimenti sinceri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available