saór…

      2428.mp3

a strózech sul sintér de la mè vita
lassandome ‘mpienìr dai sò colori
e tègno strùca dént la mél dal vènt
a ‘mpituràr de sò i penséri mèi

me porto via sol qoel che resta chive
pogià a la föia azùra de biancàra
o ‘mpicà su ‘n de ‘n spin de acàz dolcìssem
par recordàrmel sèmpro, ‘n dì che passo

e i ‘nsògni i sgóla bass, ‘n te ‘l bosch che smàca
pigòz ennamorà che ‘l sbusa ‘l tàser

Giuliano

sapore

mi trascino sul sentiero della mia vita | lasciandomi avvolgere dai suoi colori | e tengo stretto dentro me il miele del vento | che colora i miei pensieri a modo suo | mi porto via solo ciò che resta qui | appoggiato alla foglia glauca del sorbo |  od appeso ad una spina di un acacia dolcissima | per ricordarmelo sempre, quando passerò | ed i sogni volano bassi, nel bosco che rintocca | come picchio innamorato che buca il silenzio

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “saór…

  1. Da Facebook

    Anna Schettini un bel sapore di miele nel vento..ripasso..ora volo..via. Ciao un bacio.
    31 marzo alle ore 8.56

    Gianluca Finferlo Regondi il tuo bosco è buono… e ci camminerei volentieri… e se cerchi sotto il muschio vicino ai pini puoi trovare anche qualche finferlo…. 😉 … appunto.
    31 marzo alle ore 18.38

    Astra Rubidia bella poesia, un cantico alla natura che abbiamo dentro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available