òbito…

      2441.mp3

gài dat en crèp al gal qoel smargelón
che ‘l s’à metù a cantar come ‘n tenore
entant che i me cercava da doi ore
con en pefèl che avèrge la presón

me son metu ‘n la càbia de scondón
par via de qoela stòria de doi siore
‘nzispàde come gràgole cantóre
che sbètega a le gènt de ‘n faimalón

l’avrìa lasàde lì su l’ùs e l’as
scondèndome ‘n doi bréghe de sbighèz
tegnù engropà da ‘n ciòdo rebatù

ma mi par farghe en schèrz no möro pù
stón chive a dromìr còmot come ‘n sas
coi stròpi ‘n de le rece ancora en pèz

e qoél rebùf che ‘l canta
el meto gió ‘n padèla senza onori
e po’, magno la gresta, istess che i siori

Giuliano

funerale…

ho dato un colpo al gallo chiacchierone | che ha alzato la sua voce da tenore | intanto che mi cercavano da ore | con una carta che apre la prigione | mi sono messo in gabbia di nascosto | a causa di una storia di signore | rabbiose come battole sonòre |  bisbetiche raccontan me maldestro | l’avrei lasciate li dentro al loro brodo | nascondendomi in due assi di traverso | tenuto fermo da un chiodo ritorto | ma io per far loro uno scherzo non muoio più | stò qui e dormo comodo come un sasso | con i tappi negli orecchi ancora un poco | e quello spiumato che canta | lo metto nella padella senza onori | e poi, mangio la cresta (del gallo), come fanno i signori

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available