furèsta…

      2905.mp3

empè lì a qoèl salgàr, su ‘l Ades forcolòt,
su la tò pèl le fèrsene, ragnòti  entorn a ‘i òci,
te scòndes lì spaventa ‘n le fìzze de la sera
putèla strapiantàda, i è rossi i tò cavèi

te slàneghes i ‘nsògni, en bici su ‘n de i tòmi
spedàles li su l’or entant, sot, l’aqoa tase
strengèndose l’ombrìa slongada da ‘l tramonto,
spegiàda dent en mèz, de ti che te svezìness

e pian ven su la nòt, a scònder le paturnie,
la pètena le ròste, e ti sentada, dròmes
le pes le canta cète na melodia ‘n silenzio
e tut se smòrzia tébi, te sluse dolc l’ociét

lontàn se sente ‘n zìfol, scondù ‘n la nòt pu fonda
el vèn corèndo pian, tut negro, ‘l se sconfonde
se pòlsa ‘n pöc el vènt e l’aqoa la gà ‘n sgrìsol
se ‘mpìza ensìn la luna, e rides co ‘l tò amor

l’èi straca, ‘ncöi, la sera: la va a dromìr pan pian

 

Giuliano

forestiera…

in piedi accanto al salice, sull’Adige dispettoso, | sulla tua pelle efelidi, ragnetti accanto agli occhi | timida ti nascondi nelle pieghe della sera | ragazza sradicata, sono rossi i tuoi capelli |  deformi i tuoi sogni, in bici sugli argini, pedalando lì sull’orlo mentre l’acqua sotto tace | appropriandosi di quell’ombra allungata dal tramonto, specchiata proprio in mezzo, di te che ti avvicini | e piano cala la notte, addolcisce le malinconie | e pettina le briglie, e tu seduta, dormi | i pesci cantano calmi una melodia in silenzio | e tutto si spenga tiepido, ti luccica dolce lo sguardo | lontano si sente un fischio, nascosto nella notte fonda | arriva correndo piano, tutto nero, si confonde | riposa un poco il vento e l’acqua ha un lieve  fremito | si accende persino la luna, e ridi col tuo amore | è stanca, oggi, la sera: va a dormire in silenzio

 

Lei è olandese, lui… non saprei, chissà?

Note: le fèrsene non sono le efelidi ma sono il morbillo/scarlattina/quelcheviparedellemalattiedeibambini solo che la parola mi è venuta così per descriverle e ho voluto tenerla lo stesso!

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

5 commenti su “furèsta…

  1. Ciao, Mirko!!

    Questa mi è piaciuta moltissimo e anche di più la lettura! E’ tua la voce?? Dapprima, ho fatto un po’ fatica, ma poi forse sono riaffiorati ricordi di dialetto trentino, sentito per ben due anni, anche se tanto tempo fa…

    La leggerai a Zoldo? :O)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available