góce…

      2982.mp3

sènto sgociàr qoél piöver, che l’ùsma dré le scarpe,
a ‘rvezinàrse pian al pestolìc, ‘mbombì
de dent, ‘n de rógie mìze color de màstech s’cète
e ‘ntant ‘mprofuma ‘l vènt la ràsa, sanch de avéz

cavài, le sfonda i zòcoi, le nùgole ‘mprendùde
lassando brènzi fondi a ciavàti a farse ‘n cant
e clic e cloc le làgreme sdindòna e le smamisse
basàndo fiss la polver, ciapòt del nòss nàr gréo

rogièla ‘n fil de rùgen dal qoèrt de banda ross
gh’è ‘n corer de formighe che péstola de prèssa
entrà na gocia néta vèn su la luna pàlida
en de ‘n colp sol, tut tase, le grìll sbusa le nòt

Giuliano

gocce…

sento gocciolare la pioggia che rincorre i miei passi | e si avvicina dolcemente al calpestìo, zuppo d’acqua |  dentro, immerso in roggie fradicie dall’intenso colore d’argilla | ed intanto impregna il vento l’odore della resina, sangue d’abete | come cavalli affondano gli zoccoli le nuvole rigonfie | lasciando pozze fonde a rospi in serenata | e clic e cloc dondolano le lacrime e si sciolgono | baciando intensamente la polvere, pattume del nostro cammino stanco | scivola un filo di ruggine dal tetto rosso di lamiera | c’è una corsa di formiche, piedi veloci | attraverso una goccia limpida nasce la luna pallida | silenzio d’improvviso, i ghiri bucano le notti

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “góce…

  1. Riporto da Facebook:

    Michele Cologna ‎***

    Suoni e immagini!
    E’ tripudio d’essi, questa tua.
    Danza della natura che solo il tuo occhio d’animista può scorgere.
    Meravigliosa, e la dizione sublime.

    Tomasi Lucia

    ‎….anca mi…e sento prrofum de rasa…

    Giorgio Cogoli

    che bon el profum de rasa..!!!

    Anna Schettini

    questa me la “spizzo”con calma..bella, molto bella..
    queste immagini che nascono da dentro, e che la tua mano scrive sono molto forti..a descrivere una notte e il suo
    movimento interno di sensazioni e pensieri..che sono natura umana, dolce inquieta, anche amara..ma poi ….

    “entrà na gocia néta vèn su la luna pàlida
    en de ‘n colp sol, tut tase, le grìll sbusa le nòt”..
    ed intanto impregna il vento la resina, sangue d’abete | come cavalli affondano gli zoccoli le nuvole rigonfie |
    lasciando pozze fonde ai rospi in serenata | e clic e cloc le lacrime dondolano e sublimano | baciando intensamente la
    polvere, pattume del nostro greve cammino….mi piace molto..

    Saverio Gelardi

    Un assemblaggio di suoni, sensazioni, immagini, piccoli frammenti che insieme diventano l’uomo ed il suo vivere. Un bel risultato davvero.
    In particolare mi piace la prima parte per la particolare musicalita’ e ritmo delle parole. Complimenti.

    Mauro Tolu Deidda

    Suoni e immagini che rendono l’idea. Grazie per il tag.

    Clizia Gallarotti

    bella, Diaolin! però il dispiacere che poi le foglie secche non scricchioleranno più quando le pesti… ci penso ogni volta che piove in autunno

    Giuseppe Muzii

    non so il vostreo dialetto ma solo a pelle mi piace ed anche molto
    e poi non mi ero accorto della traduzione, chiedo venia

    ho letto la traduzione ed come spesso avviene il mio istinto non ha sbagliato, mi piace molto!
    istintivamente quelle parole alcune delle quali per me incomprensibili con tutte quelle virgole quei puntini quegli accenti ed una certa musica aleggiante mi parean un’arte visiva il testo tradotto è bellissimo

  2. Io un mio modestissimo commento te lo lascio anche se, come ho già avuto occasione di dirti, non so dove leggere gli altri e dove trovare eventuali tue risposte.
    La tua poesia mi piace come le altre di questi ultimi tempi. La trovo intensa e piena di belle immagini che solo apparentemente possono sembrare fra loro slegate. Apprezzo la sua grande profondità e quella vena melanconica che le dà un sapore che mi è gradito.

  3. Ciao Diablo
    “L’apocalisse minima” no’ l’à ghe fa ‘n bàfo! Vèrsi revèrsi, stravènti che lava le pariane de le cà, vèrsi che fa cra, crà, come le rane! Vèrsi che canta le zubiane su l’or del prà! Vèrsi che sbusa le nòt, che se desvegia quan’che sona el bòt de le campane a martè! Vèrsi… che bèl!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available