marionéte…

      3106.mp3

soghe, spaghi, fii de fèr
entortoladi ‘ntorn al còl
struchi fissi a ‘ndrizàr gèsti
reversadi lì tirènti
istess ai bissi e corén via
o dedré ‘n confesionàl
‘mbesuìdi ‘n te ‘n canton

trati lì ‘mpicàdi a ‘n trào
a scorlar come sgussiài
sdindonàn istess che avézi
còntra ‘l vènt ‘mpontàdi ‘n gió

man a man vèn su la not
a sugàrne gió ‘n pöc i òci
la ne ‘mpiza giust na lum
da ‘ntrifàr el tó segùri
tut se ‘nmucia gio li ‘n font
cöri, brèghei e speranza
qoei par sora i gà ‘ncor fià

ma se sente ‘n ridolar…
l’è valgun che à sbalià strada
e ghe par de èsser par sora

Giuliano

marionette

funi, spaghi, fili di ferro | attorcigliati attorno al collo | stretti forte per imporci la via | rovesciati a terra distesi | come biscie e corriamo lontano |  o dietro ad un confessionale | istupiditi in un angolo | messi li appesi ad una trave |  a tremare come grembiuli | dondoliamo come abeti | contro il vento aggrappati in basso | mano a mano scende la notte | ad asciugarci un poco gli occhi | ci accende giusto un lume | per imbroccare il canalone precisi | lì in fondo tutto si accatasta | cuori, urla e  speranza | chi è in cima ha ancora fiato | ma si sente un rotolare… | è qualcuno che ha sbagliato strada | ed è convinto di essere salvo

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “marionéte…

  1. Riporto da Facebook:

    Mauro Pallaver

    Bella, grazie. Me sa però che sen en tanti, specie da sta banda del mondo che…”…. à sbalià strada e ghe par de èsser par sora”.

    Ginetta Maria Fino

    fili di cotone e lino, lana e viscosa dove il mio percorso sosta e riposa in trame e ricami sull’orlo o sul punto erba

    Claudio Gottardi

    e ghe par de èsser par sora……

    sembra un po’ la storia degli italiani………

    Massimo Molinari ‎

    ” the great gig uin the sky” per globalizzarne il senso. Bellissime immagini che parlano da dentro.

    Saverio Gelardi

    Uno spaccato drammatico, senza spiragli, c’è solo un baratro dove finiamo tutti, anche chi non lo sa ancora. L’unico lume è solo una trappola. Una metafora molto esplicita.

    Diaolin Giuliano Natali

    Certo, chi si affida al fato seguira’ la trappola… ma non sara’ uguale per tutti, ci sara’ pure chi la luce se la porta da casa… invece di affidarsi solo ad un improbabile cielo? O no?

    Daniela Corolaita

    Un tocco di sano realismo … se ancora qualcuno non l’avesse capito! Mi piace, bravo … il titolo è azzeccato … come tutto il resto!!!

    Antonio G. Della Rocca

    Cormac McCarthy rispetto a te è uno sfrenato ottimista… :o) però sei bravo.

    Diaolin Giuliano Natali

    Ma no, non sono un pessimista, leggo quello che vedo e poi cerco di disegnarlo con le parole, la parte ottimistica di questo disastro è anche rendersene conto… Grazie del bravo 🙂

    Anna Schettini

    rileggo e riascolto..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available