la petenàda…

      3110.mp3

l’è arivà qoél dal formài
el ne à dit l’argàgn che bùsna,
pò ‘n de ‘n àtimo ‘l pefél
che ‘l ne ‘ntortola ‘n de ‘n giòm
‘l par na ré dai busi larghi

gh’è na mùcia de sapiènti
a spiegàrne na resón
che la diss de arfiàr pan pian
azidènt se stràcïa l’aria

ma ‘l cagn gròss el sbava slàime
ghe se sbàssa ensìn i slèfi,
qoanche ‘l sènte odor de soldi
da ‘mbriagàr pance balòsse
el te sgnàola na orazión

gh’è na barca e la se sfonda
gréva ‘n gió, ‘n de ‘l mar tut negro
e la gènt su sora,  brèghei,
i la copa a piati vöidi

ma negùn se negherà!

Giuliano

la messa in piega…

è arrivato quello dal formaggio(risolutore) | ha detto il marchingegno che ronza | in un attimo arriva il conto | che ci avvolge in un gomitolo | sembra una rete a maglie larghe | c’è un infinità di persone dotte | a spiegarci la necessità | che ci dice di respirare piano | facendo attenzione a non consumare l’aria | ma il cane grosso gronda bava |  gli si abbassano persino le labbra | quando sente odore di soldi | da ubriacare pance gonfie | ti miagola un orazione | c’è una barca che sta affondando | in fondo, dentro il mare tutto nero | e la gente  sopra il ponte, urla, | la uccidono con i piatti vuoti | ma nessuno annegherà!

Credo che negli ultimi venti anni si siano sbagliate molte cose ma oggi ci stanno prospettando di risolvere l’irrisolvibile facendoci morire di stenti. Credo che bisogna ripensare l’uomo se vogliamo giungere ad una società equa. 

Sento che perderemo solo un po di libertà…  è già cominciata, sto aspettando che tolgano l’art. 18
(P.S.: io non sono più un lavoratore dipendente ma ne sentirò la mancanza lo stesso)

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “la petenàda…

  1. Sono d’accordo in tutto, come si potrebbe non esserlo? Viviamo, impotenti e spremuti fra veti e ricatti incrociati.
    Ma credo che ad ogni cosa ci sia un limite. Dobbiamo imparare dai Paesi del Sud Est asiatico, del Nord est Africano, della Russia di Putin, l’amico comunista di Silvio? Il popolo bue prima o poi si ribellerà: ne vedremo di belle.
    Ciao.
    Guido

  2. lo penso anche io..che..
    “ma ‘l cagn gròss el sbava slàime
    ghe se sbàssa ensìn i slèfi,
    qoanche ‘l sènte odor de soldi
    da ‘mbriagàr pance balòsse
    el te sgnàola na orazión”

    e tutto quel che ancora deve venire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available