la redodesa

      3173.mp3

L’èi sentada su ‘n te ‘n pal
con doi dàse a farghe cóa
ma se érgio l’ultim góc
me par sqoasi che la sgólia
pròpi ‘n còntra a ‘n sgiànz de luna
che la ‘mpìza su la nòt

ma la varda för pu vècia
co la scufìa su la tèsta
la gà ‘nsin sul nass na gòba
con su ‘n s’ciàp de peli negri
la se ferma su ‘n te ‘n qoèrt
ma vèn l’òsto a far gió ‘l cònt

destrigando sta pasion de regàlie e mandorlati
e mi sèguto a trar gio, ché la sé no zéde mai!

Hic!

Giuliano

la befana

è seduta su di un palo | con due frasche come coda | ma se trangugio l’ultimo goccio | mi sembra di vederla volare | proprio incontro ad un raggio di luna | che accende un poco la notte | appare molto più vecchia | con la cuffia sulla testa | ed ha persino sul naso una gobba | con sopra un ciuffo di peli neri | atterra su di un tetto | ma arriva l’oste a farmi il conto | distruggendo questa passione di regali e torroncini | e continuo sempre a bere, ché la sete non finisce mai | Hic!

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “la redodesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available