la bichéra…

l’èi li sola su la tàola e mi ghe cònto i mè penséri
na caréza e l’èi ‘n de man, matelòta dai bèi òci,
la svesìno ai làori, sùti, e la se i sbasòta su
ma la tàse, éla, zevìla, l’èi ‘l mè spègio, l’è i caprìzi

po’ rogiéla ‘n gió na làgrema a ‘ndorbìr de sal la sgnàpa
messedada ‘n le paturnie, la va a font ‘n de la bichéra

‘ncor en slùch, che ‘l me sconfondia, che ‘l me fàghia veder lustro
no la sente le me slòiche, cògno ancor nizzàr en fiàsch
l’èi li sola su la tàola e no la dà niànca pù òdia
la credeva tut ‘l mè amor, ma me gàto dent sol, mi

e sul font resta ‘l pè negro
mizz de sal dei di revèrsi

Giuliano

il bicchiere

è da solo sopra il tavolo e gli racconto la mia storia | una carezza e ce l’ho in mano, ragazza dagli occhi belli, | lo avvicino alle labbra, asciutte, e lui se le bacia, | ma tace, lui, cortese, è il mio specchio, è il mio capriccio | poi discende giù una lacrima ad intorbidire di sale la grappa | mischiandosi alle paturnie, scende a fondo  nel bicchiere | ancora un goccio, che mi confonda, che mi faccia comprendere meglio | lui non sente le mie chiacchiere, devo iniziare un fiscao nuovo | è da solo sopra il tavolo e non pare intendere ragione | lo credevo tutto il mio amore, mi ritrovo dentro solo, io | e sul fondo resta la feccia | intrisa di sale di giorni rovesci

Ci aggrappiamo, ogni tanto, a cose che non sono appigli ma morse violente