sàss…

      3317.mp3

en salt e tut rembómba
gió ‘n la val
gh’è ‘n brìgol de stanzéle ‘nsìn rabiose
e ‘l encolorìss el pònt,
farfàla ‘n font al scur,
cigàndo brèghei, gréo,
susùri
‘ncòntra a ‘l vènt
en smöia, pogià stràch, polsando ‘l cör
rebùf
pan pian ‘l se sgrìfa i grópi,
slissándo i cròzzi spizzi
pò ‘l tonda
sot par sora
‘ncor doi rùdoi
lassàndo che ‘n ciavàt ‘l ghe fàghia ‘n cant
de stómech
sentà par sempro, lì
finche la rìo la tase
e ‘l vènt
‘l ride fis’ciàndo

Giuliano

sass

un salto e tutto rimbomba | giù nella valle | c’è un brulichio di scintille perfino arrabbiate | e colora il ponte | farfalla in fondo all’oscurità, | strillando urla, greve, | rumori | contro il vento | in ammollo, appoggiato stanco, riposando il cuore | inquieto | piano piano si gratta i nodi, |  lisciando le rocce appuntite | poi gira |  sotto sopra | ancora due ruzzoloni | lasciando che un rospo gli esegua un canto | di stomaco | seduto per sempre, lí | finché il rìo non tace | ed il vento | ride fischiando

 

Era il 1966, 4 novembre, salivo per le scale di casa mia ed in fondo alla valle, verso il ponte dei Boioni, si vedevano le scintille dei sassi che cadevano, inferociti, dalla briglia grande, sommersi d’acqua: pioveva molto ed era tutto scuro ma si vedeva il ponte e si udiva il rumore dell’acqua, squilla il telefono…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “sàss…

  1. Da Facebook:

    Enzo Giusuf Yupik Cecchi

    poi ti chiederò il permesso perchè una delle attrici possa dirla a conclusione di voglio parlare con Aldo Moro . ciao grazie

    Diaolin Giuliano Natali

    puoi usarla tranquillamente senza chiedere

    Enzo Giusuf Yupik Cecchi

    no chiederò e facciamo un pò di sceneggiata. non dirmi subito di si :-))))))))). grazie Giuliano. la musicalità della parola è qualcosa che mi affascina sempre. ciao

    Sergio Paolazzi

    stanzéle: questa mi è nuova… però la me pias.. ò scrit “la me pias”

    Mauro Pallaver

    Bello. Un bolero di parole, suoni e immagini…., poi la contestualizzi e diventa drammatica per chi ha vissuto quei giorni. Brao!

    Livia Battisti

    Brao Giuliano, me ricordo anca mi le stanzele dei sassi giò dal pont dei Boioni.. e anca el papà sul pont de l’Avis.. appena tornà en qua de volta è crodà el pont…

    Andrea Brugnara

    Ero a Padova a studiare dai preti. La grande alluvione mi arrivò come un’eco indistinta. Eravamo poveri come tanti in val di cembra. Mia madre mi venne a trovare a metà novembre e mi portò un bellissinmo maglione “alluvionato”, acquistato a prezzo di svendita… Però il rombo pauroso dell’Avisio che rotola sassi durante le brentane autunnali l’ho sentito più volte nelle notti di attesa. Ed è qualcosa di potente e invincibile che rotola per sempre tra i ricordi di chi vive in valle di cembra. bella poesia. Grazie Giuliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available