la soga…

      3354.mp3

en trefol fat de fili arcobalén
‘ndreciàdi bianchi, negri, gialdi e  fòrsi
rossi e ogni qual trat na spizocàda
co l’archèt, par vardar se l’èi ‘ntonada

la sòna ela, pavèla, e ‘ntant i tira
devènta sqoàsi bava sota i dédi
ma slànega ‘n cavèl, cigàndo ‘n brèghel

pò leva ‘n sol marùgol a smorbiàrla
subiènt, la  zéde ‘l pass al sò cantìn
tasèndo la sò storia ‘n tèra, mòla,
e rùdola le gènt, desmentegàde,

lagàde lì su l’or del tó a tegnìrse
a smanie dezipàde su ‘n domàn
scondù, ‘n de na pasion smamìda empò

Giuliano

la corda

un trefolo di fili arcobaleno | intrecciati bianchi, neri, gialli e forse | rossi ed ogni tanto un pizzicotto | con l’archetto, per controllare se è intonata | suona lei, farfalla, e intanto si tende | si trasforma quasi in bava sotto alle dita | ma si spezza un filo, urlando un grido | poi si alza un sole pallido ad ammorbidirla | d’improvviso si abbandona al proprio canto | tacendo la sua storia a terra, stesa, | e rotola la gente, dimenticata, | lasciata lì sul baratro ad aggrapparsi |  a desideri sciupati di un domani | nascosto, dentro una passione ormai sfumata

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “la soga…

  1. Ancora Facebook

    Rosa Rivelli

    trasformando in farfalla…..una metafora bellissima. un gran gesto d’amore

    Claudio Tonini

    la me recorda Palù indispesabile soga sogat sforzin coregia fumesel e quela che me a tegnù e spero che la me tegna ancora vio sui crozi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available