no ‘n dròpo vozi…

      3382.mp3

no, no ‘n dròpo vózi vècie
no ‘n dròpo brèghei dezipadi
a sdramar peci de parole,
dai mè boschi, endromenzadi
sota i ghirli de manare
bolse e sqoasi orbe
crèpi a ‘n òghen trist de sò
no, no ‘n dròpo vózi
ne drite ne revèrse,
sènto de dent sol bòti
e tantalàni mèsteghi
che i spèta ‘n susùr nöo

de qoei dal cör ‘mbombì
de ‘n òm nassèst ancöi

Giuliano

non ho bisogno di voci

no, non ho bisogno di voci vecchie | non ho bisogno di urla dissennate | a togliere rami da abeti di parole, | dai miei boschi, addormentati sotto turbini di mannaie | bolse quasi cieche | colpi ad un raglio amaro | no, non ho bisogno di voci | né dritte e neppure rovescie, | sento dentro solo una campana a martello | e suoni mesti | che attendono una nuova parola|  quella da un cuore gonfio | di un uomo nato oggi

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “no ‘n dròpo vozi…

  1. Grazie dell’apprezzamento innanzitutto. I “tantaláni mèsteghi” sono i suoni mesti mentre ho tradotto “bòti” che sarebbero i rintocchi, con campane a martello che mi piaceva di piú in italiano. Tornando ai tantalani: era una specie di gioco questo detto, se fas sto laoro ben te dago en tant a ‘l an… che diventa tantalan che in realta’ e’ il campanellino…

    Ciao, Diaolin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available