strìa…

      3710.mp3

te vedo sèmpro lì, vesina,
sentada gió,
come compagna gréva,
al sdindonàr de le giornade crùe
e ogni qoaltràt
te scòndes dré a ‘n soriso o ‘n ciar de luna
par po’ ciutàr istessa,
sqoasi che fusti stada sèmpro chive,
ennamorada,
senza che nianca ‘l sàpa, mi,
spetandome su ‘l uss
che no se avèrge mai
e ti che ancora crédes de èsser part del viver mè
ma no ès che qoel lumin
gió ‘n fónt ‘la strada
endóche tuti i vèn
a rudolón
sèmpro da sói
con en prosàch pien de strangossi
e ‘nsogni
desmentegà sui salesàdi

Giuliano

strega…

ti vedo sempre lì, vicina | seduta | come  compagna, greve | al rintoccare di giornate crude | ed ogni tanto | ti nascondi dietro ad un sorriso o un chiaro di luna | per poi far capolino identica | quasi fossi rimasta sempre qui, | innamorata, | senza che neppure lo sappia, io, | attendendomi sull’uscio | che non si apre mai | e tu che credi ancora di esser parte della mia vita | ma non sei che quel lumino | in fondo alla strada | dove vengono tutti | rotolando | sempre soli | con uno zaino pieno di desideri | e sogni | dimenticato per strada

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “strìa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available