la regàlia…

mi no ‘l conosso miga
el color róss dei zirési
‘ngremenìdi da le arfiàde
de  ‘n aotùn che pègro ‘mbianca
e me ‘mpenso che le gènt
le se scòndia dent da i ùssi
a stizzàr, sfessèi de ràsa,
‘n fornasèle de recòrdi
che i se ‘ngiòma ‘ntorn a làgreme
su ‘n de i vedri ‘nsìn ‘mpanàdi

ma ‘l conosso mi qoél ross
che ‘nsomìa ‘l sànch dei poréti
sconfionàdi ‘n te na guèra
par salvarghe la sò tèra
a qoèi dai schèi
e podér cantar canzon
che recòrda libertà
e ciapàr, pò,  ‘na regàlia
da ‘mpicàrghe ala giaghéta

ma pan pian vèn Santa Luzia
dal bochér col sò asenèl
senza bast, tanto l’è vöit
sol par stréngerte na man
e tacarte na medàia
propi lì ‘n do che voléves
recordàndome che ès mòrt

Giuliano

la regalìa…

io non conosco per niente | il colore rosso dei ciliegi | rattrappiti dai respiri | di un autunno che lento imbianca | e mi immagino che la gente | si nasconda dietro le porte | a ravvivare il fuoco, tronchetti di resina, | dentro stufe di ricordi | che si raggomitolano attorno a  lacrime | sopra i vetri ormai appannati | ma io lo conosco quel rosso | che assomiglia al sangue dei poveri | strattonati in una guerra | per salvare la proprietà | di quelli dai soldi | e poter cantare canzoni | che ricordano libertà | e poi ricevere una regalìa | da impiccare alla giacchetta | ma  lentamente  arriva Santa Lucia | dal varco, col suo asinello | senza il basto, tanto sarebbe vuoto, | solo per stringerti la mano | e attaccarti una medaglia | proprio lì dove volevi | ricordandomi che sei morto

 

Stanno preparando qualcosa di sinistro, ne sono certo

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “la regàlia…

  1. Cosa stiano preparando di sinistro, non so cosa né chi ma voglio ancora sperare che ti sbagli, che in te predomini il pessimismo. Che sia io l’illuso?
    La poesia pare venga proprio dal cuore e tocca temi che, tu sai, sono cari anche a me.
    Ciao.

  2. Bèla Diablo
    laga che i faghe… che i se ilude de poder comandar, de poder far quel che i vòl ma… en dì o l’altro i se gaterà anca lori co’ ‘l cul par tèra e le rece bàsse. Anca par lori capiterà la sera,. Laga che ‘l tèmp el pàsse! Po’ en brut dì scominzierà la guèra, quela de la pòre gènt famada che la doprerà ancora i forconi… laga che vègne sera e vedras po’ ‘n bèl dì quan’che no’ saron pù… coioni!
    Ciao
    Iaio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available