‘l ór…

      3926.mp3

a ti che ès lì a sbalànza sora ‘l ór
e sgrìfes co le ónge ‘l tó che zéde
a ti, mi te vöi dìr i me’ penséri
‘ngropàdi a na menùdola de ‘nsògni

dài, làssete sgolàr sul vènt zidióss,
zercando de pogiarte a ‘n fil de fum
che ‘l core ‘n vèrs al sol scondù lontan,
pavèla che ‘mpitùress négre nòt

delìbrete dal giö che ‘l te ‘ncadena
lassando ‘l fuss la vita ‘l tò regàl
e tut le smànie, crùzi par i schèi,
butàde gió ‘n de ‘l rìo, spudando ‘n dré

Giuliano

l’orlo | il confine

a te che dondoli sopra il confine | e ti aggrappi con le unghie alla china che si sgretola | a te, vorrei raccontare i miei pensieri | avvinghiati ad un convolvolo di sogni | dai, lasciati volare sul vento accidioso | cercando di appoggiarti ad un filo di fumo | che corre verso il sole nascosto lontano, farfalla che dipingi nere notti | liberati dal giogo che ti incatena | lasciando sia la vita il tuo regalo | e tutte le smanie, crucci per i soldi, | scaraventate nel rivo, sputando indietro

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “‘l ór…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available