el sésser

      3948.mp3

de dent scondù ‘n le fìzze ‘ncolorìde
de ‘n sésser de putati nà par tèra
me son gatà color de vèci giöghi
e tondo e mai no scàmpo dal mè mi

el gira e ‘l lassa segni par el vent
sintéri sol de sàbia tràta en lònga
stornìsie, starghe dré a qoél pirlo mat,
tùt sluse e se fà nòt rebaltà ‘n gió

i mè penséri i rùdola ‘mbriàghi
zercàndo fòrsi ‘n sgiànz de libertà
se ‘ngiòma ‘nsìn le ròbe cognosùde
scampando dal patuèl ‘ngropà al cervèl

e sgola i mè recòrdi lassàndome chi sol
vardando ‘l tèmp che ‘l tonda dré a na ràgia
su ‘n te ‘n orlòi a sósta che ‘l n’à ‘n festìdi
de tut le smanie növe de le gènt

Giuliano

la biglia

dentro nascosto nelle grinze colorate | d’una biglia di bambino andata a terra | mi sono visto colore di vecchi giochi | e rotolo e mai non fuggo dal mio essere | lei gira e lascia segni per il vento | sentieri solo di sabbia buttata in parte | capogiri, seguire quella trottola impazzita, |  tutto luccica e diventa notte se rovesciata | i miei pensieri rotolano ubriachi | cercando forse un raggio di libertà | si intricano persino cose conosciute | scappando dal fazzoletto legato al cervello | e volano i miei ricordi lasciandomi qui solo | guardando il tempo che fa girotondi attorno ad una lancetta | su un orologio a molla che non fà caso | a tutte le nuove aspirazioni della gente

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available