fòrsi…

      3989.mp3

gratàrse gió i penséri dala zùca
l’è sqoàsi ‘n colp de pèten dat par gnènt
se i cròda ‘n tèra senza far remór
lassàdi a rebaltàrse ‘n schéna al vènt

ferùscoi i se reména ‘n la mè testa
girando come pirli a bòtaciùch
e tut rembomba dént, campane rote,
cantando ‘n sòn balèngo a tegnir frét

po’ dré ‘n canton, spavènt, ciuterà ‘n brèghel
de qoei che a tut le gènt fà maravéa
en cìch ‘mprendù de ‘nsògni a la malora
strengiù ‘n le fizze de ‘n sgrifón su ‘n fòli

metù su ‘n de na fàcia sconosùda
gatàda ‘n de ‘l tacuìn, a sfodegàr

Giuliano

forse…

grattare giù i pensieri dalla testa | pare quasi un inutile colpo di pettine  |  se cadono per terra senza far rumore | lasciando che si rivoltino in schiena al vento | malandrini si rotolano nei miei pensieri | girando come trottole impazzite | e tutto rimbomba dentro, campane rotte, | cantando un suono distorto che dà i brividi | poi da dietro un angolo, timido, fa capolino un grido | di quelli che la gente mai si aspetta | un urlo intriso di sogni alla deriva | stretto nelle pieghe d’un segno su di un foglio | appoggiato ad una faccia sconosciuta | trovata nel portafoglio a rovistare

Arrivano le elezioni e forse…

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “fòrsi…

  1. Semplicemente ME-RA-VI-GLIO-SA, come comunque quasi tutte le tue poesie, caro amico Diaolin!

    Mi tocca solo farti un piccolo appunto di grafia nella traduzione italiana: “fa” va scritto SENZA accento. 😉

    Se vedhòn!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available