la ics (II)

      4003.mp3

pròpi gio ‘n font a la chìchera, secàdi,
s’è ‘ngrumà i fondi de ‘n cafè lassà sfredìr
come penséri de ‘n anguàna che la rónca
dent ‘nde na möia a desgiomàrse i desidèri

po’ salta för, a slinchi e pirli, anca na trùta
sbusàndo ‘l pel de l’acqua, dur de bràma fréda
de sot, la calma de la riàl che tàse cèta,
susùra ‘n brèghel de ‘n boidór, bràsa par dent

e sule ròste ‘n òm sentà a ‘nghiaciarse i òssi
el spèta sol de caminar par sora ancor

l’è tut revèrs qoél che élo ‘l vede córer sguèlt
‘l vorìa fermarlo e dirghe: bào, comando mi

Giuliano

la ics (II)

proprio in fondo ad una tazza, seccati | si sono rappresi i fondi di un caffè lasciato reffreddare | come pensieri di un anguana che scava | dentro ad una pozza per capire il futuro | poi guizza, fuori, a salti e capriole, anche una trota | bucando il filo dell’acqua, duro, di panna fredda | sotto alla calma del rivo silente | sussurra un grido di un bollore, brace di dentro | e sulle rive un uomo seduto, infreddolito, | attende solo il momento giusto per camminarci ancora sopra |  gli sembra tutto sbagliato quello che vede correre rapido | vorrebbe fermarlo e dirgli: BUH, comando io!

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “la ics (II)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available