putèle…

      4037.mp3

negre,
le putèle co i stuài
negri anca qoéi
le se péstola i penséri
su ‘n te i còrdoi de ‘l stradon
‘mbarlumàde da i fanài
de chi torna a le so cà
co i söi òci sul spegiét
enrapolàdi ‘n de i sò crùzi
a rosegàrse le noséte
sota i denti giùst crompàdi

bionde,
le se scònde ‘n te la nòt
dré la pompa de benzina
le à le gambe come ‘l lat
par vardàr se vànza valghe
dopo aver ‘mpienù ‘l rochèl
anca par lore, ‘ngremenìde,
le fà gesti, ‘l pàr de aùt,
ma ‘n de i òci sol la vöia
de na sera sota ‘n qoèrt
che no ‘l gapa ‘ntorn coriosi

e pan pian
ven su matìna e leva ‘l vènt
tut entorn s’è netà föra
resta lì sol en argagn
testimòni de ‘n menùt
spressolàda contra ‘l cambio
par podér ‘nsognàrse amor

Giuliano

ragazze…

nere | le ragazze con gli stivali | neri pure quelli | passeggiano i propri pensieri | sui cordoli della strada | abbagliate dai fanali | di chi torna a casa propria, | un occhiata allo specchietto, | aggrovigliato alle proprie ansie | rosicchiandosi le dita | sotto i denti appena comprati | bionde | si nascondono nella notte | dietro alla pompa di benzina | hanno le gambe color del latte | per capire se è rimasto qualche soldo | dopo aver fatto il pieno | anche per loro, infreddolite, | gesticolano, sembrano chiedano aiuto, | ma negli occhi solo la voglia | di una sera sotto ad un tetto | senza curiosi attorno | e pian piano | viene mattina e si alza il vento | tutto attorno si è pulito | resta li solo un cosino | testimone di un minuto frettoloso | contro il cambio | per poter sognare amore

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “putèle…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available