el paron de i piti…

      4044.mp3

‘l ne giuga ai Piti come zìnqoe sassi
da butar li su l’àss de le perseche
par bàtersei al giöch che véncia i brèghei

l’entortola la storia al sò giudizi
magari con la smània de ‘n recordi
lassà lì su ‘n na stràcia con en làpis

“la droperén dre man sugàr su ‘l sànch”

e i tonda: i se rebalta a ‘n fil de vènt
crodando tuti ‘n tèra a scarmenon
ma ‘l li calùma él come ‘l oràcol

se à vist che negùn vènce la reson
e croda da le man che scorla ‘mprèssa
benedizion par tut le gènt entorn

restava almen speranze a dar ‘n sconfion
ma el senza dir gnènt ‘l copa ‘l rugànt

Giuliano
il padrone del gioco degli astragali

ci gioca agli astragali come fossimo cinque sassi | da buttare li sull’asse delle pere secche | per combatterceli al gioco e vince chi urla | annoda la storia al proprio giudizio | magari col desiderio di farsi ricordare | sopra uno straccio scritto con un lapis | “lo useremo un giorno per asciugare sangue” | e girano: si capovolgono ad un filo di vento | cadendo tutti assieme alla rinfusa | ma lui li osserva come l’oracolo | si è visto che nessuno avrà ragione | e cade dalle mani tremolanti | benedizione per tutta la gente attorno | restavano almeno speranze a darci una svegliata | ma lui senza dir niente ammazza il maiale

P.S. : I saggi i copa i seggi…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available