nòt desmentegada

      4671.mp3

la cala bas la nòt su i àrboi cépi
arfiàndo i sò mistéri de strabàuz
patuèl, la tèn ensèma ensògni stràchi
rosàda besevìda ‘n la bichéra

e tonda i grani rossi slòiche false
par resentàr le gènt da i so pecadi
contandoghei pan pian a un tacà su
oracol de desgrazie mai ruàde

e se scurìsse i pòrteghi smorzadi
ensìn na paltegana la va a ca’
resta ‘mpizà demò la lum de stua
e na cioìta ‘ntòna na mesèria

se è sentà gió la nòt sul salesà
lassando che na stéla faghia ciàr

Giuliano

notte dimenticata

cala bassa la notte sugli alberi smunti | respirando i propri sentimenti di nascosto | come fazzoletto, tiene stretti sogni stanchi | budino insipido nel bicchiere | e rigirano i grani rossi filastrocche false | per ripulire le anime dai peccati |  raccontandoli sottovoce ad uno appeso al muro | oracolo di disgrazie mai finite | e si oscurano i portici in penombra | perfino un ratto si affretta verso il nido | resta accesa solamente la luce di cucina | ed una civetta intona una litanìa | si è seduta pesante la notte sul selciato | lasciando che una stella faccia chiaro

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

4 commenti su “nòt desmentegada

  1. Mi piaceva, Giuliano, quando i tuoi versi potevano anche essere ascoltati. Apprezzavo, anche se a volte non serviva, la traduzione che ora non trovo.
    Così il significato di alcuni termini mi sfugge anche se, nel suo complesso, forse il messaggio è arrivato.
    Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available