varìr…

      4732.mp3

S’à destacà l’ultima föia dal bósch nét
crodàda l’ei, solàgna, ‘n mèzz ai sàssi
e ‘ntant fis-ciava ‘n zìfol de oseleti
a tegnìr vìo ‘l pensér che vèn matìna
lassando ‘l sol che ‘l ciùtia ‘n na caréza
le rame ‘mbesuìde dal frét torc
le dròme come bissi engremenidi
l’èi grìsa tuta l’aria e la se sènta
pogiandose par sora, calìvèrna,
trasparenta e a tòchi bianca come  ‘nsogni
perdudi ‘n te na storia mai contada
che la me ronca dent na fòssa fonda
‘mpienùda de parole ormai tasèste

Le scrivo su na föia
e pò se ràngïa ‘l vènt

Giuliano

guarire

si è staccata l’ultima foglia dal bosco pulito | è caduta, solinga, in mezzo ai sassi | mentre fischiava un canto d’uccellini | a tener vivo il pensiero che arriva il mattino | lasciando che il sole faccia capolino in una carezza | i rami imbambolati dal freddo umido | dormono come bisce intirizzite | è grigia tutta l’aria e si riposa | appoggiandosi leggera, galaverna, | trasparente e a pezzi bianca come sogni | perduti in una storia mai svelata | che mi scava dentro una fossa profonda | riempita di parole ormai taciute. | Le scrivo su una foglia e poi si arrangi il vento

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

4 commenti su “varìr…

  1. trasparenta e a tòchi bianca come ‘nsogni
    perdudi ‘n te na storia mai contada
    che la me ronca dent na fòssa fonda
    ‘mpienùda de parole ormai tasèste

    Le scrivo su na föia
    e pò se ràngïa ‘l vènt

    bella cura, come la delicata e dolce nostalgia che fa l’autunno…
    Un canto, un bacio.

  2. La leggo e rileggo e mi ritrovo seduto nei nostri boschi a meditare. Come da sempre mi dà serenità. Difficile invece guarire dalla melanconia. (08.12.2015)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available