sgócia na làgrema

      4748.mp3

sgócia na làgrema da le sóste de na nugola
tegnùde ferme sol dal vènt che ‘l pòlsa tórc
e la rogièla a scavar fonda ‘ntrà le fìzze dei mè ‘nsògni
fintant che sùta la deleva e resta lì na pésta mòrbia

le gènt le varda,
le n’à ‘n festìdi
e scampa tórbol en fil de sol
s-ciarèndo ‘l dì ‘mbombì de azùr
da ‘n ciel sgaùss

ghe vedo ‘l font de la bichéra ormai svöidada
sento ‘n de l’aria odor de càneve davèrte
lontan valgùni stiróna ‘l màntes de na zibòga
e scampa för pasion de vöie mai contentàde

sgocia na làgrema
lavando via ‘l saor de gnào

Giuliano

cade una lacrima

cade una lacrima dal molliccio di una nuvola | tenuta ferma solo dal vento che riposa umido | e roggia scavando fonda tra le pieghe dei miei sogni | fino al momento che si liquefa e resta lì, orma leggera | la gente guarda, indifferente, e sfugge, torbido, un raggio di sole | schiarendo il giorno intriso di azzurro | da un cielo spogliato | osservo il fondo del bicchiere ormai svuotato | sento nell’aria odore di cantine aperte | lontano qualcuno stiracchia il mantice di una fisarmonica | e sfuggono passioni di desideri mai esauditi | cade una lacrima lavando via il sentore di guasto

 

26 luglio 2015
Ieri sera verso le 17.00 parlavo dal terrazzo con un amico… un amico d’infanzia, un poco più vecchio di me che mi raccontava della nonna (Vittoria) quando mi cantava delle canzoncine sul passeggino e lui le sentiva dalla finestra.
Abitava nella casa sopra la strada…
È una presenza che rimane nel cuore quel tuo sguardo profondo dentro le pieghe della mia anima.
Ti voglio dedicare questa mia poesia perché ci sei tu lì dentro.
Ciao Bepo, mi mancherai davvero, mai mi sarei aspettato che il saluto di ieri dalla finestra sarebbe stato l’ultimo.

Stame ben, Bepo, stavolta la strada l’èi pu piana

 

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “sgócia na làgrema

  1. Che brivido regala anche questa tua nuova poesia, caro amico!! L’ho ascoltata e riascoltata, letta e riletta. Bentornato “in azione”! Ora sono io in fase di stasi: troppe contingenze interferiscono con l’ascolto della voce delle Muse! Mi viene in mente una mia vecchia poesia sulla Cornovaglia… “Ma il vento, che fischia negli orecchi, / non fa sentire la voce dei pensieri.” Happy writing!! :O)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available