làori de ràsa

      4762.mp3

se ‘mponta la sera sui làori de ràsa broènta
i ‘ntacola ‘nsògni de ti che me còntes
de nòt embriàghe de stéle a martèl
che le sbùsa ‘l celór dei me passi
de zìfoi de grìll che le córe sul trào
a cercarse ‘l sò amor scondù al gréo de la sera
de sgaùse reson svoltolàde dal vent ‘n de paròle
le par brèghei dal rìo, le desmissia la val
pò, spavènt, ciùta ‘n sgiànz
primavéra, doman

Giuliano

labbra di resina

si trattiene la sera sulle labbra di resina calda | avvicinano sogni di te che mi parli | di notti ubriache di rintocchi di stelle  |  che bucano il soffitto sui miei passi | di fischi di ghiri che corrono sul trave | a cercarsi l’amore nascosto nel greve della sera | di vacue ragioni capovolte dal vento in parole | sembrano urla dal fiume | risvegliano la valle | poi, timido, fa capolino un raggio di sole | primavera, domani

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “làori de ràsa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available