argàgni…

      4794.mp3

ài fat na tonda ‘n tra le rodèle del mè orlòi
stanòt
par desgaisàr da le pasion
el tantalàn che smàca fìss
e pò, lassar che sgólia ‘nsògni stormenìdi
pròpi su ‘l or de na pontara de parole a scarmenon
recòrdi de cardènze col smarlòss
e i òci töi de ràsa
che i sconfióna le mè nòt
‘n te ‘l ramaisàr de ‘l àrfi stràch
a spetàr cèt en brìgol de rosàda
al cant de ‘n merlo ‘mpasionà
sul ciaresàr ‘mbombì de promisión de amor

Giuliano

 

attrezzi

ho fatto un giro tra le rotelle del mio cuore | questa notte | per districare dalla malinconia | il ticchettio che insiste intenso | e poi, lasciar volare i sogni addormentati | proprio sull’orlo di una china di parole sparpagliate | ricordi di credenze col lucchetto | e gli occhi tuoi di resina  | che spintonano le mie notti | nel fruscìo del respiro stanco  | in calma attesa del luccichìo della rugiada | al canto di un merlo appassionato | sul ciliegio gonfio di promesse d’amore

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “argàgni…

  1. L’ho riletta tre volte e mi ha lasciato sempre quel senso di melanconia indefinibile. Quasi promessa d’amore che non trova frutto. Al mattino i sogni svaniscono. ..Il ritmo del verso è come nello stile del Diaolin senza respiro fino a essere accorato. Così a me pare. Molto bella! Sia nelle asprezze del dialetto come nella musicalità dell’italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available