la colpa

      4915.mp3

l’ài vista mi, dalbòn l’ài vista coi mè òci
l’è sta’ na stéla che la usmàva dré la luna
a sconfionàr qoel brigolàr de pés ‘n te ‘l ciel
fin dré da ‘l mont ‘n do che ‘l tendeva ‘n redesèl

el le à ciapade tute, ‘nsèma, e s’è fat nòt
le se è lagàde tör par giro da na fàda
che la ga ‘l mus che cambia cìfe dì par dì
fasèndo creder che fus colpa de ‘n sol cép

ma tut de ‘n trat el sbròca ‘n sgiànz de istà broènta
e ‘n te ‘n sfiantùgem tut bolìfe a scarmenón
fòrsi stanòt se è delibrà valguni
e ‘l ciel l’è a strìse istess a i scuri de preson

Giuliano

l’ho vista io, davvero l’ho vista, con i miei occhi | è stata una stella che pedinava la luna | a strattonare quel brulichio di pesci nel cielo | fin dietro al monte dove era tesa una rete | le ha prese tutte, insieme, e s’è fatto buio | si son lasciate prendere in giro da una fata | col viso che cambia aspetto giorno per giorno | facendo credere che la colpa sia del sole fiacco | improvvisamente esce un caldo raggio d’estate | ed in un lampo una fontana di lucciole sparpagliate | forse stanotte qualcuno si è liberato | e il cielo è a strisce come le imposte di una prigione

 

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “la colpa

  1. Bellissima, una di quelle, fra tutte, che mi ha colpito di più. Una musica, una canzone, con me hanno la strada più aperta nel risvegliare emozioni anche violente, non mi è mai capitato che una poesia riesca a sollevarmi i peli delle braccia.
    Finora.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available