embastì…

      4920.mp3

davèrgio i òci pan pianìn
e le matìne l’è ‘n repèz ‘n tra ‘l dì e la nòt
così lì ‘nsema co i mè ‘nsòni mèzi vöidi
desmentegàdi gio ‘n le fìzze de la sera
lassàdi a sdindonar sul filedèl de terlaìne
a babilòn de ‘n trào tut màrc

me resta sol en spìzech de aria sùta
la cìmega ‘n silenzio da ‘n busàt
dré ‘l védro rot de ùssi mai seràdi
saór de sere stràche, tràte via,
finide ‘n de ‘l pè gréo de ‘n goc de zàibel
par rassàr via ‘l color de dì balènghi

e me ‘mbastìso ‘l vìver con doi pèze
che le me seràs su qoel sbrèch che ài dent

pò passa na pavèla, fior de luna,
la varda fìss, la tonda e la sparìs

Giuliano

abbozzato…

apro gli occhi piano piano | e le mattine diventano un rammendo tra il giorno e la notte | cucito lì assieme ai miei sogni mezzi vuoti | dimenticati dentro le pieghe della sera | lasciati a dondolare sul frenulo di ragnatela | a cavallo di un trave marcio | mi resta solo un pizzico d’aria asciutta | ad ammiccare in silenzio da un buchino | dietro al vetro rotto di una porta mai chiusa | sapore di stanche sere, buttate al vento, | finite nella feccia greve di un goccio di vino agro | per raschiare via il colore di giorni storti | e mi imbastisco il vivere con due stracci | che richiudano quello strappo che ho dentro | poi passa una farfalla, fiore di luna, | mi osserva intensamente, fa un giro e poi sparisce

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “embastì…

  1. Le tue poesie sono sorsi di pure emozioni e non so mai se il gusto che mi lasciano è dolce o amaro ma le assaporo ancora e ancora perché mi danno i brividi! Grazie Giuliano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available