a ti…

      5068.mp3

a ti
che ès desperàda ‘n de i tò ‘nsògni malsaorìdi
tacàda a sto sgussiàl che ‘l tonda entorn revèrs
coi làori tòi morèi che i ‘ntàcola de dolc
tuta sta nòssa storia che ghe core dré a le ràgie
e no le pòlsa né de dì e dessiguàl la nòt
e ‘l sol el ciùta dezipà de dré na nugola de nöo
par far nizàr ‘n de ‘n sguardo, tegnù de ént broènt,
na sgiaranzàda de profumi scarmenàdi lì su ‘l prà
fiorùm de i mè penséri ‘l embombìs tut el me viver
ma ti no gh’ès che ent ‘n de i òci mèi

a ti
che ès la mè spòna e no te par

Giuliano

a te…

a te | che ti disperi nei tuoi sogni tristi | aggrappata a questo grembiule che mi circonda bisbetico | con le tue labbra livide che rendono appiccicosa e dolce | tutta questa nostra storia che rincorre le lancette  | e non riposano né di giorno e neppure di notte | ed il sole fa capolino, disastrato, da dietro una nuvola, di nuovo, | per far iniziare in uno sguardo, tenuto dentro rovente, | un raggio di sole fatto di profumi riversati lì sul prato | fiorume ai miei pensieri che impregna il mio vivere | ma tu non sei che dentro agli occhi miei | a te | che sei il mio sostegno e non lo sai

e la versione di Guido Comin che non manca mai di sorprendermi

To you,
who desperately dwell in your sad dreams,
gripping this peevish apron that surrounds me,
with your bluish lips that make sweet and tacky
this story of ours that chases hands of clocks
that never rest – neither by day nor night –
and a broken sun peeps from behind a cloud again
to spark off – in a look all kept inside, but hot –
a sunray made of scents tipped onto the meadow,
garlands of my thoughts that saturate my living, all,
though you do not exist, except inside my eyes.

To you,
who are my prop, though you don’t know it.

(Guido Comin PoetaMatusèl)

 

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “a ti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available