bàla, putat…

      5393.mp3

bàla, putat, tónda sui vedri le tò storie,
qoéi tò strangossi repezàdi da na strìa
vegnùda ‘n vòlta dessiguàl del vènt de aotùn
qoanche ‘l pitùra de castègne l’aria mìzza
e pò sdindòna ‘n tantalàn gio par le fràone

bàla, putàt, fintant che ‘l dì ‘l mìssia la nòt
tacando i ‘nsògni tòi pu bèi a na matèla
che la tonda come ‘n pirlo ‘ntorn al viver
e sbàia ‘n cagn för par i pòrteghi smorzàdi
ma ‘ntant la luna la te cìmega, marùgola

la crede de èser éla la tò storia
e la se scònde al scur, dòna petìza

Giuliano

balla, ragazzo…

balla, ragazzo, fai girotondo sopra i vetri con le tue storie, | di quei tuoi desideri rammendati da una strega |  ritornata come il vento d’autunno | quando dipinge di castagne l’aria fradicia | e poi rintocca un campanaccio in mezzo ai vicoli | balla, ragazzo, fino a quando il giorno si confonderà alla notte | attaccando i tuoi sogni più belli ad una fanciulla | che gira come trottola attorno alla vita | e abbaia un cane nei portici scuri | ma intanto la luna ti ammicca, sciocca | crede di essere lei la tua storia | e si nasconde al buio, donna altezzosa

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

5 commenti su “bàla, putat…

  1. Ho rivisto e riconosciuto gli ambienti, perché già percorsi e ricordati, benché non siano i miei: mi è sembrato di trovarmi di nuovo in qualche paesino dell’alto Comelico, dopo una sera di Carnevale, quando ancora risuona, qua e là, qualche campanaccio vagante…

    MOLTO BELLA!!

  2. Immagini anche mie. Un mondo che è anche nella mia memoria. A volte interi versi che sento di poter aver scritto io, in una lingua non troppo diversa. Fotogrammi giustapposti da quello che, per me, è un grande lirico. E sì, anche adesso, con tanta vita sulle spalle, e temo non troppa davanti, continuo a ballare le mie storie. I cocci a volte tagliano. La luna, spesso, non è solo noiosa. Sale nel cielo alta e tonda a farmi sognare. O ululare.

  3. eh! Quando il giorno si confonde con la notte la gioventù sorride nonostante i cocci di vetro. E la luna è un volto enigmatico che a volte spegne anche le stelle.
    E questa è una bella poesia aspra in dialetto e melanconica nella trascrizione italiana.

  4. Recitazione come al solito superlativa, caro Diaolìn,
    E ritrovo qualcosa di me in questi versi e in queste immagini suggestive e malinconiche: quasi una rincorsa, il desiderio di arrestare un tempo fugace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available