Ascoltala dal vivo...


Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

sghigògna na zibòga sui zìfoi de siràche via ‘n trà i pòrteghi
e ‘n càgn el canta slòiche ‘mpasionàde e ‘l pàr sqoasi rebùf
ma córe sóra ‘n valzer, sgropolósi, i dédi smondolàdi ‘n pél morèi
caréza a chiche pàssa par de lì e nó ‘l capìsse ‘l mondo che ‘l fa tonde

en sófi ‘l màntes crèmpen, ‘l me cònta na pasión, sfrizón al cör
po’ tut de ‘n tràt el sèra le sò fìzze istess na ruga vérda che se ‘nzìspa
strengendo dént qoel tòch de storia crùa che ‘l la stiróna ‘n òrbo a modo sò
lassàda crodar mèstega dai òci tuti grìsi en te ‘n capèl revèrs sul salesà

valgun mòla lì  ‘n soldo a darse pàze,  el se delìbra l’anema da ‘n cròz
se sente en bachetèl che ‘l bàte i smòleri e adès la bèstia spèta ‘n pass cilènch

l’èi lònga qoéla strada dré qoéi òci
che i sfodega ‘l tò cör qoànche ès lì arènt

Giuliano

orbo…

soffre una fisa sui fischi di bestemmie che attraversano i portici | ed un cane intona filastrocche appassionate e sembra quasi irritato | ma corrono sopra un valzer, nodose, le dita mondate, un poco livide | carezza a quello che passa per di là e non capisce il mondo che gira in tondo | un soffio dal mantice malato, mi racconta una passione, fitta al cuore, | poi, in un attimo, richiude le sue pieghe come una ruga verde irritata |  stringendo dentro quel pezzo di storia cruda stiracchiata un orbo a modo suo | lasciata cadere mestamente dagli occhi tutti grigi in un cappello capovolto sul selciato | qualcuno allunga un soldo per penitenza, a liberarsi l’anima da un peso | si sente una bacchetta che batte sul porfido ed ora la bestia attende quel passo indeciso | è lunga quella strada dietro a quegli occhi | che rovistano il tuo cuore quando gli sei accanto

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

10 thoughts on “òrbo…

  1. Ciao Diablo
    quel pas cilènch… qoànche ès lì arènt! Finale, da baterte le man fin a mondarle! Fòrsi la prima de le tò poesie che m’à ciapà defata, che rende subito l’idea…
    Che dirte, brao.
    Iaio

    1. sono contento che ti faccia questo effetto… (sul già letta intendevi Facebook ovviamente cisto che l’ho scritta a mezzogiorno di oggi) :-)

      Grazie del commento Andrea

    2. Onomatopeica (..azzo volevo scrivere) Questa poesia ha una forza d’immagine dirompente. Le altre tue devo leggerle un paio di volte per assimilarle. Nasce da molto profondo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

 characters available

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>