Ascoltala dal vivo...


Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

I òmeni de i cròzi i è ‘l bòt de na campana tormentàda,
co ‘l sò batòcio gréo a sdindonàr pan pian la ghe da òdia ‘l vènt
e ‘l sin e son de soghe ‘l se strozega ‘n le fìze su i cantéri ‘ncarolàdi
lassando le sò slòiche ‘mpasionàde a nàrghe a strìsar solchi su i asòti

I sèntes da lontan ‘n te l’aria sùta co ‘l pass che ‘l vénce erte desperade
e ‘l darghe na carèza a ‘n fior spavènt l’è ‘l sò sentirse pù vesìni a cà
pò brèghela la val en cant revèrs, roètene che core da la chìpa
la s’è ‘nzispàda, ancöi, la sò morosa, gelosa la li völ li arènt par sèmpro

po’ cèta la se calma dent ‘n te ‘n zìfol
e resta sol na làgrema e ‘n spavènt

i òmeni de i cròzi i è ‘n soriso dent ‘n de ‘l cör
emprèssa passa nùgole ‘n te ‘l ciel deventà azùr
autando ‘n fior che ‘l nàssia a darghe calt

Giuliano

gli uomini delle rocce

Gli uomini delle rocce sono il rintocco di una campana tormentata, | col suo battocchio pesante che ondeggia piano dà ascolto al vento | ed il sin e san delle corde si trascine nelle pieghe dei travi tarlati | lasciando le sue cantilene appassionate a strisciare solchi sulle vecchie assi | Li senti da lontano nell’aria asciutta col passo che vince erte disperate | e la carezza data ad un timido fiore sono il loro sentirsi più vicini a casa | poi la valle urla un canto orribile, frane che corrono dalla china | si è arrabbiato, oggi, il loro amore, geloso li vuole accanto per sempre | poi, silenziosa, si calma dentro un fischio | e resta solo una lacrima e la paura | gli uomini delle rocce sono un sorriso dentro il cuore | veloci passano le nuvole nel cielo ormai azzurro | aiutando un fiore a nascere per riscaldarli

 

P.S.: un pensiero dal cuore a Marco, Renzo, Oskar e Gigliola e a tutti i nepalesi

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 thoughts on “i òmeni de i cròzi…

  1. I òmeni dei cròzi i deventa anzoi all’improviso e ne lassa chi a pianzer…

    Tu sei il mio balsamo e ti ascolto ad occhi chiusi per permettere alla tua voce di abbracciarmi meglio. Grazie.

    Mìgola

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

 characters available