ziróndoi…

      5679.mp3

ziróndoi sfrìsa l’aqoa che la pòlsa
gh’è góce tute rósse a sfondàr gió
tut calmo su par su, niànca ‘n susùr
pan pian sbolìfa i còcoli solàgni
e ‘l vènt el spiana ‘l ultim brèghel cèt
smamìss qoéla speranza de èsser òmeni
tacada al grop de na parola ‘n men
aùt: l’era la strada strangossàda,
envezi ‘l resta ‘n cìch lassà sfantar

Giuliano

cerchi…

mulinelli sfiorano l’acqua che riposa, | e gocce tutte rosse che sprofondano | tutto tace su per su, neanche un respiro | pian piano si sciolgono le bolle solitarie | e il vento spiana l’ultimo tenue grido | perde colore quella speranza di essere uomini | attaccata al nodo di una parola in meno | aiuto: era la strada desiderata | invece resta un urlo lasciato svanire

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

4 commenti su “ziróndoi…

  1. Apri degli spiragli, a volte delle finestre dalle quali scorgo (non vedo) prospettive inconsuete e immagino mondi che tu non vedi e non immagini. A volte non so esattamente di cosa parli in talune poesie, e non mi interessa, ma io resto in ascolto e comprendo che fanno parte del mio vissuto. Questa, per me, è la poesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available