buta corni…

      5688.mp3

da la sbròcia de ‘n lumac tut tacolènt
vanza föra ‘n ongia sporca sora ‘n pòles
che ‘l se strózega sò cà, ombrèla ‘ntorn
slimegando tut la strada a mò de róta

no gh’è corni che i fà gesti a vardar för
l’è tut slìss che ‘l par ‘l fuss òrbo opur stremì
e anca ‘n ricc el se sconfonde e ‘l volta ‘l pass
‘l arbandona  lì qoél past al sò strussiàr

no la fida a butàr corni, l’èi spaventa
tut de ‘n tràt passa lì un che ‘l se la bìna
el la bùta ‘n de ‘n cestèl en compagnìa
sqoasi aùt a la sò corsa dré a ‘n moros

buta còrni lumaciòta, buta corni
che doman saràs bon tonco da magnar

Giuliano

butta corna…

dalla chiocciola di una lumaca attaccaticcia | fa capolino un unghia sporca sopra un pollice | che trascina la sua casa, ombrello appresso | sbavando tutta la strada, quasi una rotta | non ci sono corna che gesticolano intorno | è tutta liscia, sembra cieca o spaventata | anche un riccio si confonde e se ne va | abbbandonando lì quel pasto al suo vagare | ha paura a esporre gli occhi, sembra timida | e ad un tratto passa uno che la raccoglie | per buttarla in un cestino in compagnia | quasi aiuto alla sua corsa a cercar moglie | butta corna, lumachina, butta corna | che domani sarai sugo da mangiare

 

Vi chiederete cosa stia a significare questa mia: credo sia solo la mia impressione del momento storico
che stiamo vivendo: una cottura lenta per un piatto agognato. Ma da chi?

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available