Ascoltala dal vivo...


Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

camini növi

ciàri, fuma i camini a ‘mpituràr sto ciél sgaùss
lassandol gremenos a lambicàr na brasa calda
qoél fum ‘n trà i muri crèmpeni ‘l sbolìfa
el diss che ‘l ùa l’èi viva en ‘l ultima calìva
le brasche ‘n le caldére le scalderà ‘n doman
e i còcoi i fa corona e sfiamàde sui paröi

le gent le se lamenta che se ‘ndorbissia ‘l sol
e sàltia föra mali scondudi dent ‘n de ‘l anima
a roncàr gio ‘l festìdi da tute le mesèrie
ancöi i varda ìl ciél sperando che ‘l sia azùr
già al tèmp sarìa bastà valgun che ‘l se ‘nzispass
par qoél odor machegn che à scrìt la nòsa storia

no ghe ‘n è ancor assà par rebaltarne i cöri
dovren far su camini coi filtri spessi e bianchi
par tegnìr nét de ént, la nòssa anima sorda

Giuliano

camini nuovi

chiari, fumano i camini per dipingere questo cielo vacuo | lasciandolo irrequieto a desiderare una brace calda | quel fumo tra i muri consunti scintilla | racconta di uva viva nell’ultima foschia | le vinacce nelle caldaie scalderanno, un giorno | e le bolle si uniscono in collane e fiammate sui paioli | la gente si lamenta che il sole venga spento | e provochi malanni nascosti dentro all’anima | a distruggere il dolore provocato da tutti i problemi | oggi osservano il cielo sperando che sia azzurro | quella volta sarebbe bastata una voce di protesta | per quell’odore acre che ha disegnato la nostra storia | ma non ne abbiamo ancora abbastanza per sconvolgerci il cuore | innalzeremo camini con filtri bianchi e stretti | per tenere pulita, dentro, la nostra anima sorda

come ogni anno c’è una vicenda che ricordiamo e che ha sconvolto il concetto stesso di umanità e ancora oggi qualcuno non la considera, dopodomani oltre 60 anni fa si aprivano le porte del campo di annientamento di Auschwitz e ripartì la storia

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Commenti (4)

  1. iaio

    Diablo
    às pròpio reson. Ghè ancora caldere che boie e camini che fuma ma parerìa che bèn pòchi i se nascòrge! Ciapadi come che i è da la sgàisa de spegiarse un co’ l’altro par vardar chiche l’è pù bèl… Entant el ziel el deventa sèmpro pù gris e no’ basta miga le benedizion de valgùn a scarar via ‘sti nugoloni negri…

    Replica
    1. diaolin (Autore Post)

      Che dirte?
      Me par che chi se vàghia sèmpro en gio

      Grazie Iaio, Diaolin

      Replica
  2. Guido Leonelli

    Caro Giuliano,
    bella, mi piace, in un linguaggio finalmente comprensibile anche alle mie orecchie e al mio cervello.
    Una vera e degna commemorazione. Anche se il ricordo dovrebbe essere quotidiano.

    Replica
    1. diaolin (Autore Post)

      Grazie Guido, mi fa piacere che questa mia risulti “comprensibile”
      e aggiungo che il ricordo è quotidiano solo che non sempre si ha la voglia di scriverlo…

      Diaolin

      Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook