valzer descolz…

      5833.mp3

passi flèpi al cant del salesà
se smondola calzòti sbusolàdi
sul valzer séch de cospi de na volta
e sòna la zibòga ‘n trà le fràone
na slòica enmusonida

piange en cagnòt ‘n te ‘n brèghel crùo
se ‘mpìza lum dedré da ùssi  seràdi
arbandonadi al vent che zìfola smanioss
core anca ‘l tèmp sota qoél pestolar revèrs
odor de gnào a ‘mpituràr cantoni de recòrdi
perdudi ‘n tra le fìzze de ‘n cervèl,
cazza dai busi

vèn na matela su dal sintér
l’èi come ‘n sofi sora i sassi scuri e muti
la sò canzon la par descolza

Giuliano

valzer scalzo

passi lievi al canto del selciato | distruggono calzini bucati | sul valzer duro di zoccoli di un tempo | e suona una filastrocca arrabbiata | la fisa tra i vicoli | piange un cagnetto in un guaito crudo | si accendono lumi dietro ad usci chiusi | abbandonati al vento che fischia smanioso | corre anche il tempo sotto al calpestio insensato | odore immondo a dipingere angoli di ricordi | perduti nelle pieghe di un cervello | ormai dismesso | sale una fanciulla dal sentiero | è come un alito di vento sopra i sassi scuri e silenziosi | il suo sembra un canto scalzo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

10 commenti su “valzer descolz…

  1. Voglia non voglia per me resti poeta dialettale ermetico. Uno dei pochi. Sprazzi di luce e ombre profonde. Si legge e si intuisce ma non si capisce. Non serve capire ma è bella questa nebbia dalla quale emerge questa fanciulla che cammina in un sogno sospeso su suoni lontani di una fisarmonica

  2. Beh, Diaolìn, il commento di Andrea mi fa sentire meno mosca bianca, come spesso mi succede; sottoscrivo la sua prima frase.
    Rimangono delle belle immagini ma, nemmeno a volerlo, riuscirei a trovare un filo che le leghi.
    Ma poi è vero che non sempre serve capire.

  3. Ciao Diablo
    Me fas vegnìr en ment mè gudaz; l’Iacom Sbèndola, quan’che siracando el pestolava sul salesà denànzi a la fontana dal Màs da Pra spetando la Mariòta Revèrsa… Entant sò fradèl; el zio Padre Albino ‘nte stua; sentà su la banca arènt al fornèl, l’entonava quela dei trei gobeti, e de fòra se sentiva come par encànt la musica entan che ‘l fiocava sèmpro pù spess… Bèi tempi quei! Grazie par avermefat tornar a la memoria sta vècia storia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available