panpiàn

      5844.mp3

soléo su ‘l aria mìzza de recòrdi
el sgola cèt, pavèla négra al vènt
lassando che la sgàia de chi varda
la ghe ‘mbombìss la testa de penséri
postadi su ‘n na föia ‘ntrivelàda
sul ghirlo che no zéde, ‘ncöi en dì

el passa e ‘l varda gréo da sora ‘n gió
parón de tut le teste arbandonade
parón de qoei che i spèta ‘l ciel davèrt
l’è sèmpro qoéla lì la sò andadora
e ‘l bàter d’ale ‘l rosega le nugole
‘n de tonde vers a ‘l sò domàn. putàt

el core ‘l còrf
el core panpianìn senza redèntio
negùn che ‘l lo tampìnia a darghe prèssa
‘l ariva lìve ‘n do che ciùta tébi
en sgianz empiturà de arcobalèn
‘mpiantà no se sa ‘ndove ‘n mèz la tèra
par far da pònt sinzéro a i ‘nsògni mèi

sui ciaresàri bianchi canta na parùssa

Giuliano

lentamente…

leggero sull’aria intrisa di ricordi | vola silenzioso, farfalla nera al vento | lasciando che le voglie di chi guarda | riempiano la vita di pensieri | appoggiate ad una foglia avviluppata | sul vortice di vento che non si arrende, neppure oggi | lui passa e osserva duro dall’alto in basso | signore di tutte le teste abbandonate | padrone di chi attende segni dal cielo | la strada che percorre è sempre uguale | e il colpo d’ala morde anche una nuvola | in un giro verso al suo domani, bambino | corre il corvo | corre lentamente senza indugio | senza nessuno che lo sproni ad accelerare | arriva lì, dove si affaccia tiepido | un raggio colorato di arcobaleno | piantato non so dove, nella terra, | per far da ponte puro ai sogni miei | sui ciliegi bianchi canta una cinciallegra

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “panpiàn

  1. Da Facebook:

    Suchert Daniel Di Schuler E il colpo d’ala morde anche una nuvola. Potentissima questa immagine. Conosco uno dei maggiori lirici italiani della mia generazione. Punto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available