Ascoltala dal vivo...


Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

el tó…

      5881.mp3

me par che sia la nòt tut la mè lùm
enrapolàda ai rami de ‘n acàz
‘mpiantà ‘n la tèra arsa su ‘n de ‘n sgrèben
la nòt, resposta dolcia a segurtà che se deleva
gualìve a la tompèsta al sol de agost,
lassàda lìve crùa a ‘ngoràr na stéla
che se ‘mpìzia a segnar drìte strade lònghe
furèste e scognosùde, mai usmàde
‘n tut la vita che le péstolo par sóra
ma tute ste bolìfe entro ‘n te ‘l pèt
le stìzza föghi ‘mprofumadi sol de rasa
entacolando i me’ penséri a ‘n strozegarme
dré na luna che la ciùta ‘n momentìn
da dré da ‘n cròz che ‘l m’à vist nasser
e po’ la ride, vardando ‘n dré

Giuliano

la salita…

mi sembra sia la notte la mia luce | attorcigliata ai rami di robinia | che spunta dalla terra arsa sul dirupo | la notte, la risposta dolce a sicurezze che si sciolgono | come grani di tempesta al sole d’agosto | lasciata lì, cruda a desiderare una stella | che si accenda ad indicare lunghe strade diritte | forestiere e sconosciute, mai percepite | in tutto la vita che le calpesto in superficie | ma tutte queste faville dentro al petto | attizzano fuochi profumati solo di resina | appiccicando i miei pensieri ad un trascinarmi | dietro ad una luna che fa capolino per un momento | dietro una roccia che mi ha visto nascere | e che poi ride, guardando indietro

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Commenti (4)

  1. Leonelli Guido

    Bella Giuliano, complimenti. A le tante scominzio a capìr qualcòs anca mi.
    Ma per non restare così nel vago, desidero dirti che mi piaccione alcune immagini come

    “la nòt, resposta dolcia a segurtà che se deleva
    gualìve a la tompèsta al sol de agost”.

    “… na luna che la ciuta ….
    da dré da ‘n cròz”.

    Noto anche, dirai che sono petulante e cavilloso, che non sempre i versi sono fra loro ben legati, facendo così perdere un po’ di musicalità all’insieme, come in

    “che se ‘mpìzia a segnar drìte strade lònghe
    furèste e scognosùde, mai usmàde”

    dove, a mio modestissimo avviso, sarebbero bastati un paio di aggettivi in meno per rendere il tutto più scorrevole.

    E ‘ntant la luna la cuca éla, la solita curiosona.

    Rispondi
    1. diaolin (Autore Post)

      Grazie del commento

      Rispondi
  2. Claus

    grazie della tua voce e delle tue visioni, nel cuore dentro te, trovano l’accesso a questa umanità che in moto perpetuo cerca qualcosa che da sempre…ci manca.
    grazie
    continua nella tua generosità di parole
    claus soraperra

    Rispondi
    1. diaolin (Autore Post)

      Grazie Claus, sono felice che ti piaccia

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *